Categories
musica tecnologia

Un motivo in più per trasferirsi negli Stati Uniti (e per comprarsi un Mac)

19 comments

  1. Io ho appena notato che Anobii ha introdotto la vista scaffale di legno con le copertine, molto carina. Magari ti leggono -_-‘

  2. Vorrei segnalare un programma analogo (anzi, praticamente un clone) a DL per Windows, che in più è gratis (per uso non commerciale): Libra http://www.getlibra.com.
    Purtroppo anche questo – come l’originale – non riconosce praticamente nessun libro o CD italiano…

  3. Scusa… ero stato volutamente enfatico….
    Probabilmente il mio intervento ti ha tratto in inganno, oppure attendevi qualche commento del genere per poter ribadire la tua ferma posizione di libertà culturale informatica..
    Non lo sò, sta di fatto che non voleva essere un elogio incondizionato al mondo Apple, ma un complimento a te rivolto per riuscire ad apprezzare del software che gira under Mac OS X, nonostante tu non straveda per detto system.
    Tutto qua, buona giornata 🙂

  4. Beh, no. Sono un utente e non devo fedeltà ad alcun sistema operativo, visto che li uso tutti a seconda di cosa devo fare.
    Quindi non è che se parlo bene di un software che gira solo su OSX le schiere di militandi del brand Apple devono segnare una tacca sul fucile.

    E’, appunto, un buon software. E nulla più.
    In generale se queste discussioni (e in particolare il mondo Apple) avessero meno retorica, probabilmente il mondo sarebbe migliore.

    Anche perché potrei fare lo stesso discorso per XML Spy (software fondamentale che gira solo su Windows) o per MediaTomb (il migliore mediaserver low-resource che c’è in giro, disponibile solo per Linux).

    Il fatto è che le monoculture sono sbagliate, sbagliatissime. Un giorno lo capirete.

  5. Grande Suz.. questo tuo post su un software per Mac Os X mi fa scendere i lacrimoni ..
    Noto con piacere che anche tu inizi ad apprezzare le gioie, almeno collegate se non dirette, che elargisce l’utilizzo del sistema operativo (anatema) Apple.
    Buona serata!

  6. Passano gli anni, i lustri, i decenni ma vedo con piacere che il Mac resta sempre il Mac.
    Son soddisfazioni.

  7. C’è un’applicazione web, uno strumento insomma per la gestione di un db online della propria libreria, che lo fa il lavoretto della webcam e che supporta una visualizzazione simil-coverflow. Non ricordo il nome, ci ero incappato cercando dell’altro. In ogni caso l’espediente è certamente realizzabile anche per un’applicazione in linea appunto (cattura e invio delle immagini fatta tramite flash)

  8. Problema già affrontato. Risolto con un programma strepitoso (sempre per Mac) che si chiama BOOXTER.
    Non ha gli scaffali tanto carini ma si collega anche con i siti italiani. Immissione dati sempre con telecamera, IBSN, o manuale. Cataloga libri, CD, DVD e fumetti. Non ha i gadget ma pazienza, in fondo puoi avere 5000 cd e solo 10 aggeggi vari.
    Interfaccia bella, con scheda a lato (copertina, recensione ecc.).

  9. Bè , lo si può provare sai ? Non male che graficamente appaiano tutte le copertine dei tuoi album ! 🙂

  10. Suz e qualcun altro. Vi segnalo booxter, una scopiazzatura di delicious ma che ha il grandissimo vantaggio di collegarsi a dei database anche (ma non solo) italiani tra cui IBS. Con questo trovate praticamente tutto. Ed é gradevole da usare piu o meno come DL

  11. @ Alessio: Anobbi permette l’esportazione della propria libreria: PREFERENZE/GESTIONE LIBRI/ESPORTA DATI.

  12. Molto interessante… io uso su win un software analogo (sicuramente meno fru fru) che è Movie Collector (www.collectorz.com). Lo uso ovviamente per la mia collezione di DVD ma se guardi sul sito ci sono i software gemelli Music COllector, Book Collector, Comics Collector e via dicendo. Sono veramente validi, hanno la gestione grafica delle cover e la gestione dei prestiti, nonché la possibilità di prendere info da Amazon, e nel caso dei movies anche da IMDB. Mi ci trovo molto bene!

  13. Sì, è un vero peccato. Basterebbe – al di là di questo programma, io mi accontenterei di mettere tutti i miei libri su anobii e non arenarmi come ho fatto – un programmino che legga i codici a barre attraverso la webcam (senza quindi ricorrere a pistole e penne ottiche apposite). Per poi crearne anche un semplice file di testo o di Excel: possibile che non esista?

  14. Io ho comprato Delicious Library 1 un paio d’anni fa, ma mi sono scontrato con questo problema e così ho tutta la libreria in inglese e buona parte dei CD indicizzati ma non quelli italiani – da Amazon.fr e Amazon.co.uk qualche “import” di CD italiani viene riconosciuto, ma in massima parte no.

    Speravo che nella versione 2 ci fossero trucchi od opzioni, ma a prima vista non pare e ora sno in dubbio se continuare a usarlo.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *