Vite parallele – affinità e affinità tra il compagno Tsipras e i suoi Little Tony

January 26th, 2015 § 8 comments § permalink

Dev’essere dura la vita dei professionisti dell’antirenzismo come Civati, Fassina e Vendola.

Riescono a essere perennemente sbugiardati dalla realtà, smentiti dai fatti, umiliati dai loro stessi eroi e miti. Spesso a caldo, come in questi giorni.

Questa è una cronaca sommaria degli ultimi mesi di rumore politico. Immaginatela come una sequenza di immagini veloci a cui fa seguito uno slow motion sugli eventi impietosi degli ultimi giorni.

Schermata 2015-01-26 alle 11.53.49

Lo scenario è quello di una commedia grottesca: una minoranza rumorosissima qui in Italia contesta il governo di larghe intese di Renzi (pur avendo fatto, nel caso di Fassina, il viceministro in governo di intese ancora più larghe e imbarazzanti insieme a Berlusconi, quando era presidente del Consiglio Enrico Letta) e specula sul fatto che il governo cerchi – come è normale e democratico – l’accordo sulle regole comuni (la legge elettorale, le riforme istituzionali) con le opposizioni, per quanto brutte queste possano essere.

 

Fanno gli schifati, chiamano “alleanza” una dolorosa necessità (perché il PD non ha i numeri con governare e, vista l’indisponibilità dei grillini, non restano che potenziali alleati di destra) e in alcuni casi invocano le elezioni, pur sapendo che il voto col Porcellum (edit: col propozionale puro voluto dalla Consulta) produrrebbe lo stesso scenario in cui nessuno ha i numeri per governare (e nel mentre si oppongono in tutti i modi ai tentativi di dare all’Italia una legge elettorale che stabilisca inesorabilmente un vincitore).

 

Per mesi si esaltano per il modello greco, cioè una sinistra super-assistenzialista e anti-austerità, che promette di non rispettare i patti e i debiti con l’Europa (e di usarne i fondi, sperando che non si offenda).
Per le Europee fondano addirittura una lista a nome del suo leader, che però sta allo Tsipras originale come Little Tony stava a Elvis. E la infarciscono di vecchie cariatidi della gauche caviar, rottami di Lotta Continua, gente dei salotti romani con servitù al seguito, ecc. Pura sinistra di lotta e di terrazzo. Risultato: un misero 4% rimediato con le unghie e con i denti.

 

Non contenti, si producono in un umiliante episodio in cui una delle suddette “grandi firme” della lista tradisce la promessa di ritirarsi una volta eletta per far spazio a un politico giovane. E per questo si sfanculano tra loro.
Vanno male alle elezioni, tradiscono gli impegni presi con gli elettori e litigano al primo momento utile: il ritratto perfetto della sinistra italiana pre-Renzi.

 

I loro propositi di riscatto risiedono tutti nella Grecia, in ossequio a un’esterofilia che da sempre caratterizza certa sinistra nostrana e che non ci ha impedito di prendere sonore e ripetute mazzate elettorali tutte le volte che ci siamo entusiasmati per le vittorie di Jospin o Zapatero, sperando che la loro onda lunga arrivasse sulle nostre sponde.
La vittoria di Tsipras, a loro detta, può costituire un modello di sinistra alternativa possibile, il riscatto dei duri e puri contro il “mostro” Renzi che fa le larghe intese col centrodestra e preferisce le riforme alle velleità identitarie.

 

Alcuni di loro – i civatiani e alcuni bersaniani irriducibili – sono arrivati al punto di partecipare entusiasticamente a Human Factor, cioè un evento di SEL dal nome orribile, proprio nei giorni prima delle elezioni greche. E hanno parlato malissimo del loro stesso partito e del governo che esprime, con toni da oppositori, talvolta da nemici. Tutti uniti nel nome della “sinistra doc” che combatte l’Euro.
Altro che Renzi con le sue larghe intese! Qui si esercita ai più alti livelli il mito della purezza ben raccontato da Francesco Piccolo e che da sempre pare essere la vera ossessione della sinistra nostrana, i cui sforzi sembrano tesi più alla perfezione dell’autorappresentazione che al cambiare il mondo in meglio.

Sono bastate 24 ore e si è palesata la crudele verità. L’ennesima che smentisce coi fatti i miti, le illusioni e le aspirazioni infantili di quella sinistra che non si rassegna a uscire dal proprio guscio identitario.

Sì, perché Tsipras col suo partito non ha conquistato la maggioranza assoluta per un paio di seggi e non ha avuto problemi ad allearsi istantaneamente con un partitino della destra nazionalista greca dura e pura per ottenere la maggioranza e governare.

In questo, Italia e Grecia scontano due plutarchiane vite parallele, seppure diverse per molti aspetti: entrambi i paesi hanno una legge elettorale che non garantisce un vincitore sicuro e in entrambi i paesi la sinistra si è vista costretta ad allearsi, seppure da posizioni di forza, con partiti di (centro)destra per poter governare, visto che le alleanze con altri partiti erano impraticabili.

 

Personalmente non mi scandalizzo: sono contento della vittoria di Tsipras e penso che la sua scelta di allearsi con la destra riveli un leader decisamente più pragmatico che ideologico.
Non vorrei, però, essere nei panni di Fassina, Civati, Vendola e dei loro supporter, ora che il loro beniamino si è comportato, dal punto di vista delle alleanze, proprio come Renzi (peraltro alleandosi con una destra decisamente peggiore di quella mozzarella di Alfano), facendo l’esatto contrario di quello di cui si bullavano.

 

Da strenuo ottimista, cerco di guardare il lato positivo della questione: forse questa è la volta buona che la parte immatura della sinistra capirà un concetto adulto: non si può avere sempre tutto nei modi che piacciono a noi e spesso è necessario fare compromessi.

Lo so che è un’affermazione ovvia, ma per alcuni della sinistra “tutto e subito” è un tabù, anzi è un’imposizione inaccettabile.

 

Nelle prossime ore assisteremo allo spettacolo imbarazzante di chi, constatata l’identità di azione tra Tsipras e Renzi, dovrà riposizionarsi per non perdere l’allure barricadera e alternativa e non rimangiarsi quanto urlato negli ultimi mesi.
Qualcuno terrà duro nonostante tutto e smentendo se stesso senza problemi.
In questo, la pervicacia di Gillioli che dice “ok, Tsipras si è alleato con la destra ma non vuole dire niente: lasciatelo governare” ispira tenerezza, così come la sua capacità – lo dico con affetto e stimando la persona, beninteso – di non azzeccare una scelta politica che sia una, da Ingroia in giù. fino a Barbara Spinelli.

Qualcun altro cercherà di produrre qualche attenuante o qualche ingenua speranza (la più in voga è “sì, ora è alleato con la destra, ma vedrai che presto la molla per allearsi con To Potami, che è di sinistra”), altri la butteranno sul “sì, ma qui è peggio”, sapendo di mentire.
Su questo è notevole, per comicità, la linea che molti civatiani paiono aver concordato. Dicono “sì, Tsipras si è alleato con la destra, ma è una destra anti austerity”. Tutto vero: quindi se domani Renzi si allea con la Lega di Salvini (che è destra anti austerity) non avranno nulla da obiettare?

Altri ancora – la maggioranza – faranno finta di niente e andranno alla ricerca del prossimo salvatore straniero che un bel giorno arriverà qui a risollevare le sorti della sinistra italiana.

Alla fine il problema è sempre questo: c’è una (piccola, sempre più piccola) parte di sinistra che, al di là delle più o meno ragionevoli critiche che si possono muovere (e che è giusto muovere) al governo Renzi, non si rassegna all’idea che i tempi, i modi, i linguaggi della politica in generale e della sinistra in particolare siano cambiati.

E in assenza di leader credibili, autorevoli e capaci di una proposta politica che vada al di là della conservatorismo assistenzialista e dell’antirenzismo identitario, quel pezzettino di sinistra lì guarda oltreconfine, alla ricerca di un senso che non c’è più.
Cercano l’interprete di un’identità e non capiscono che l’identità politica nel 2015 è fatta di sostanza, cioè di cose fatte. E non di posizioni prese. Cercano (anzi, ora possiamo dire agevolmente che sognano) un salvatore straniero. Sono disposti a vivere nell’illusione piuttosto che mettersi in discussione e cambiare.

Un giorno, con comodo, capiranno che la sinistra del “noi siamo” (anzi, del “noi non siamo”) perderà sempre contro la sinistra del “noi abbiamo fatto”. E – cosa più grave – perderà l’occasione di cambiare le cose in meglio. Che è il motivo per cui siamo di sinistra, credo.

This pencil kills fascists

January 7th, 2015 § 5 comments § permalink

Sto per fare una cosa che non mi piace e che solitamente rifuggo, soprattutto quando viene usata per argomentare “contro”, cioè un bieco atto di ragioneria dei morti.

Quando ho saputo che tra i morti dell’attacco terroristico alla redazione di Charlie Hebdo c’era anche Georges Wolinski ho subito pensato a quell’agosto terribile di una decina di anni fa in cui il povero Enzo Baldoni fu ucciso dal delirio religioso di qualche fanatico.

Ho saltato col pensiero da uno all’altro per una semplice questione logica: ho conosciuto entrambi grazie a Linus, la rivista di fumetti (e molto altro) che dal 1965 ai giorni nostri ha allargato la mente e gli orizzonti culturali a un paio di generazioni.

Entrambi avevano a che fare col fumetto. Wolinski come autore dissacrante, controverso e caustico, Baldoni come traduttore/adattatore, prima per Gérard Lauzier, poi per Doonesbury, di cui è diventato una sorta di “interprete”, nel senso più largo possibile della parola, fino a meritarsi l’addio dai protagonisti della striscia, quando è stato ammazzato.

baldoniadieu2

Ho peccato e ho fatto la conta: Linus, la mia rivista preferita (di cui mi bullo di avere la collezione completa, frutto di anni di mercatini, raid su ebay e una provvidenziale mamma collezionista fin dal 1965), ha ben due morti tra le sue firme, uccisi da fanatici religiosi espressione del più bieco fascismo islamico.

È sicuramente un caso, una orribile e sfortunata coincidenza. Però dà da pensare: due talenti che, per ragioni diversissime, sono incappati nel raggio di morte del fanatismo religioso. Due persone che si occupano della cosa che ai miei occhi pare più innocua al mondo, cioè il fumetto. Due collaboratori di una rivista che prende il nome da uno dei personaggi più riflessivi e placidi dell’intera storia dei fumetti e che ha sempre superato (senza nemmeno porsi il problema se fosse lecito o meno) tutti gli steccati ideologici, pubblicando sulle stesse pagine le vignette dell’extraparlamentare Dalmaviva e le strisce fieramente reazionarie di Al Capp.

Alla luce di questi due morti e di tutti gli altri nella strage di oggi, forse ho cambiato idea.
Mi sto chiedendo da ore perché la banda di fanatici assassini a Parigi ha scelto di colpire a morte un giornale di satira e non nemici più (scusatemi) “seri” e politici.
E sto iniziando a convincermi che i fumetti non sono così innocui.

Credo che ai fascisti fanatici di ogni colore e credo i fumetti facciano paura.
Gli fanno paura perché sono semplici, perché il fumetto è un mezzo espressivo capace di grandissima complessità, ma è anche l’entry level della letteratura, per tutti noi il primo “oggetto di lettura”.
E gli fanno paura perché i fumetti parlano a tutti, sono anticonformisti, non hanno limiti. E spesso fanno ridere e pensare anche senza parole. E per questo possono far ridere e pensare tutti, dai plurilaureati agli analfabeti forzati prodotti da ogni dittatura materiale o spirituale. E gli fanno paura perché i fumetti, soprattutto quelli satirici, fanno ridere. E le dittature (e le religioni: faceva bene il mio amico William Nessuno a ricordare “Il nome della rosa”, ai pochi fortunati che possono leggerlo su Facebook) si prendono molto sul serio. E temono chi ride.

Oggi è circolata molto su Twitter una vignetta di Rob Tornoe, che ritrae un terrorista armato di mitra fumante assediato e minacciato da una selva di penne, matite e pennini giganti.

tornoe

L’attacco di oggi è frutto della paura ritratta (senza parole!) in quella striscia.
Se i fascismi in ogni loro incarnazione hanno sempre temuto la parola libera, non possono essere che terrorizzati dai fumetti: la forza della parola e l’efficacia micidiale del disegno insieme.

Nei primi anni Quaranta Woody Guthrie portava scritto sulla sua chitarra “This machine kills fascists“.
Ogni volta che un fumetto provoca una risata e un pensiero insieme, si accende anche solo per un attimo un’intelligenza. E un fascista/fanatico (interiore) muore. Basta pochissimo.
Forse è il caso di mettere – con orgoglio – quella scritta su matite e pennini, da oggi.

Where am I?

You are currently viewing the archives for January, 2015 at Suzukimaruti.