Tirarsela via blog nel 2011 – aka Cattedrali touch nel deserto

March 24th, 2011 § 6 comments

Facciamo che hai ancora un blog, nel 2011.

Non lo legge più nessuno, perché la “statusfera” si è mangiata il 99% dei contenuti della blogosfera (c’era un tempo in cui ci sembrava naturale bloggare “ho fame” e ai lettori sembrava altrettanto naturale commentare “pure io”). Però lo tieni lì, come si tiene la cyclette in casa: una specie di polveroso monumento al fatto che un giorno ci avevi creduto. E sì, quel post ogni tanto che spari via perché ti annoi è esattamente come quella stanca pedalata che fai ogni tanto per raggiungere la soglia minima che ti fa dire agli amici “guarda che la uso, eh!”.

Ogni tanto arriva qualche soluzione che, se non risolve il problema della naturale vetustà del blog, permette di vestirlo di nuovo e tenere il fossile al passo coi tempi.
Tempo fa era uscito WP-Touch, il plugin che permetteva di rendere compatibili i blog con gli iPhone e più in generale i cellulari touch. Lo usa mezza blogosfera, a beneficio dei 3 o 4 lettori di blog rimasti.

Da qualche ora è uscito On-Swipe, che non si limita a rendere i blog su WordPress carini se visualizzati con un iPad: trasforma realmente la lettura di un blog in un’esperienza touch graficamente gradevole, piena di transizioni cool e di effetti a portata di polpastrello. Chi ha un blog su wordpress.com passa a On-Swipe con un click.
Per chi ha un blog su WordPress self-hosted, si tratta di installare il plugin di On-Swipe, sincerandosi di avere prima fatto l’aggiornamento a WordPress 3.1 e avendo attivato PHP5 sul proprio dominio.

L’effetto è bellissimo e, messe giù così, le menate che scrivi sembrano perfino interessanti, professionali e frutto di una seria impostazione editoriale. Sul sito di On-Swipe si interrogano se la “rivistizzazione” (bleah: si accettano suggerimenti per un neologismo migliore) dei blog possa fare seriamente concorrenza alla digitalizzazione dei periodici. Boh, secondo me sparano altissimo. Per quanto mi riguarda è già sufficiente che On-Swipe renda un po’ più aureo l’isolamento dei nostri blog.

 

§ 6 Responses to Tirarsela via blog nel 2011 – aka Cattedrali touch nel deserto"

  • fdl says:

    che invidia, Suzuki. Per noi su Tumblr, niente: condannati a esser tagliati fuori dalla magazzinizzazione. Un futuro da magazzinieri della Rete.

  • suzukimaruti says:

    fabio, ma è un po’ il bello di Tumblr: è grezzo, semplice e diretto, senza troppi fronzoli (un tempo avremmo detto “in your face”).
    WordPress, invece, è progressive, tendente al crepuscolo: quintali di glassa senza niente sotto.

  • suzukimaruti says:

    (firmato Enrico, detto “er sinestesia”)

  • Samuele says:

    Comunicazione di servizio: non funziona con alcuni plugins che utilizzano Javascript. Fra questi sicuramente FancyBox. ;-)

  • io sono su splinder. sono già morta, vero?

  • viscontessa says:

    Io mi sento così in colpa per aver abbandonato il mio….. forse dovrei prendere un altro cucciolo.

Leave a Reply

What's this?

You are currently reading Tirarsela via blog nel 2011 – aka Cattedrali touch nel deserto at Suzukimaruti.

meta