Auguri, eh, Vasco.

February 8th, 2011 § 8 comments

[odiare i tossici, la provincia, l’umanità] Ci tenevo a dirlo: finora ho condotto un’intera esistenza Vasco-free. E no, non sono uno di quelli che “ma sì, i primi dischi…”, non mi sono mai fatto tentare, a 16 anni, dalla foglia di fico qualunquista/sinistrorsa di “Non siamo mica gli americani”, ho tenuto duro alle feste delle medie quando si ballava il lento su “Toffee”, ho superato indenne la rivalutazione del “Vasco-autore” e, per tagliar corto, mi hanno sempre gioiosamente fatto schifo/tristezza/indifferenza la sua musica, il mondo che racconta, la gente che lo segue. 

§ 8 Responses to Auguri, eh, Vasco."

  • MARI says:

    quella contro Vasco è una dura battaglia. chi lo ascolta e se ne bea è da compatire. conosco gente che è sopravvissuta a un tumore, ma è capitolata difronte alla fidanzata Vascolizzata.
    che dramma!

  • ric says:

    altri grandi (e ovvi) misteri della musica italiana recente (ultimi vent’anni, diciamo):
    -laura “aaaargh” pausini, la cui unica virtù consiste nel saper gridare senza perdere del tutto l’intonazione, ma senza alcuna virtù interpretativa
    -eros “BAAAA” ramazzotti, vabbè, solito crimine della musica it ma con una voce più belante degli altri
    -tiziano “sopravvalutato” ferro, a cui una voce vagamente soul è valsa l’inspiegabile fama di autore
    -max “accenti sbagliati” pezzali, ìlcui vàlore mùsicale (nullò) vienè oscùrato dàlfatto cheparlà di cosè giovanilì (mmmminchià!)
    -giusy “la copia” ferreri, che deve il suo quarto d’ora di notorietà al fatto di imitare amy winehouse, complice il citato ferro: ma allora perché non andare all’originale?
    -i negramaro, santodio. non saprei neanche come spiegarli. “faccio tanti salti di sesta e la gente crede che io sia rock: doppia figata”.

    salvo jovanotti, che senza saper cantare ha “sdoganato” in italia tanti generi esotici (dal rap alla patchanka all’elettronica), e giorgia, che senza aver sdoganato un tubo saprebbe cantare come una dea.

  • suzukimaruti says:

    più che altro di Ligabue odio il break – immancabile nel 99% dei suoi brani – in cui va via la musica e – si presume – la gente dovrebbe essere compulsata a canticchiare “la la la la la la” o lui giochicchia con le sillabe del testo. Puro strapaese, senza nemmeno il fascino sguaiato dello strapaese.
    Insomma, lambrusco e popcorn (entrambi comprati in un Blockbuster che sta per fallire).

  • ric says:

    Non amo assolutamente vasco, ma ligabue è molto, molto peggio. vasco ha scritto perlomeno una manciata di belle canzoni (una solo secondo me bellissima, “vita spericolata”). ligabue ha riscritto duecento volte la stessa canzone: priva di fantasia (più di quattro accordi in un suo brano è difficile trovarli) e soprattutto sempre costruita sullo stesso schema: la voce canta una melodia semplicissima, fatta di quattro o cinque note, e la ripete identica mentre l’accordo sotto cambia. (basta pensare all’inizio di “certe notti” per capire: la voce fa in sostanza “do re mi re do” mentre sotto gli accordi cambiano). ligabue è sommamente antimusicale.

  • suzukimaruti says:

    (peraltro direi le stesse cose di Ligabue)

  • suzukimaruti says:

    Mah, no, Samuele.
    Per me è proprio da contestare il fatto che lui abbia scritto qualcosa di rilevante. Il successo di un artista o della sua musica non sono per forza sinonimo di qualità. Ha venduto molto, Vasco, facendo musica che alle mie orecchie è perdibile (neanche mostruosa o odiosa: giusto perdibile, insignificante).

    Infatti non ho nulla contro Vasco (anzi, da quando regalò 1000 euro alla campagna di Prodi mi sta pure vagamente simpatico), salvo rari casi non mi dà fastidio, non mi fa né caldo né freddo e al peggio mi fa un po’ pietà per il suo biascicare da tossico sdentato al terzo stadio e per le sue canzoni in cui cerca di dire qualcosa a qualcuno che, dato il grande numero di “eeeehiiii”, evidentemente è più stordito di lui.

    Va da sè, invece, che prego ogni mattina che uno stormo di trichechi rabbiosi mastichi a morte tutti i suoi fans più accaniti, ma questo è un altro discorso 🙂

  • Samuele says:

    A me Vasco non ha mai fatto impazzire. Non mi piace il personaggio, non mi piace lo stile e non mi piacciono, in linea di massima, le sue canzoni.
    Ma schifo/tristezza/indifferenza la sua musica mi sembra eccessivo e finto anticonformista da ‘fighetto’ contro. Vasco ha comunque scritto e cantato alcune delle più belle e importanti canzoni della musica italiana e fa parte della storia musicale del nostro paese. E volenti o nolenti bisogna ammetterlo.

  • IcoFeder says:

    Fidati, anche se non lo segui, vatti a vedere il suo ultimo video su YouTube.
    Tristezza oltre ogni limite.
    A tutti i suoi difetti si aggiunge il rincoglionimento geriatrico e i capelli sparati in testa alla Bossi…

What's this?

You are currently reading Auguri, eh, Vasco. at Suzukimaruti.

meta