L’anno che verrà – ovvero il mio primo Post sotto l’Albero

December 14th, 2008 § 7 comments

Quello che segue è il mio primo Post sotto l’Albero.
In quanto versione stalinista del Grinch, con punte quasi autolesioniste di odio per tutto ciò che è vagamente natalizio, mi sono perfino sorpreso io stesso della mia partecipazione ad una simile iniziativa.

Poi ci ho riflettuto e ho scoperto che scrivere il PSLA è una sorta di passatempo per sadici. Il fatto è che Sir Squonk, uomo dal multiforme talento, è una persona prima di tutto paziente. Quindi pone una data di scadenza in cui raccogliere i post dei partecipanti e attende fiducioso. E rigorosamente si trova a mani vuote o quasi.

Ecco, quindi, che scattano i primi appelli, con l’inevitabile arrivo dell’improcrastinabile. Prima appelli pubblici, inizialmente autorevoli, poi minacciosi, poi complici, poi ricattatorio/affettivi, poi ancora livorosi e infine disperati. E in seconda battuta gli appelli privati, dall’SMS vagamente mafioso fino alla mail dai toni barocchi del periodo bizzarro.

Il risultato è che chi partecipa e tarda a consegnare (cioè praticamente tutti) riceve dal Sir nel corso del tempo vere e proprie opere d’arte multimediale, da semplici haiku via SMS a lacrimevoli e-mail con biliosi allegati. Uno scritto meglio dell’altro, in un’escalation in cui è palese che l’autore ha un talento alimentato a disperazione.

Il resto è trascurabile: un po’ di gente attende proprio l’ultimo istante utile, pur di collezionare altre gemme squonkiane, e consegna un post. Il risultato della dialettica sfuggente fra il talento del raccoglitore e la cialtronaggine media dei partecipanti è, incredibilmente, ottimo nonostante l’impaginazione un po’ così, le clipart d’illustrazione prese da Office 95 e una generalizzata propensione al refuso. 

E’ qualcosa di inspiegabile, una sorta di ossimoro in cui la combinazione tra alto e basso, tra talento e intima bruttezza dei partecipanti produce accostamenti inaspettati  e forieri di gioia, come il tartufo bianco: un alimento eccellente che dà il meglio di sé su piatti vili, come l’uovo fritto. 

Quindi godetevi l‘intera raccolta di quest’anno di Post sotto l’Albero e, se proprio ci tenete, solo il mio contributo, che è qua sotto. 
Per fare quello filologico (leggi: non avevo altro), non ho scritto un post ad-hoc, ma ho letteralmente rubato al blog un post, l’ho incollato in Word e spedito al talentuoso curatore.
Risultato, una brutta figura: gran parte dei partecipanti ha prodotto piccole perle narrative e io sto qui a scaldarmi per un calendario con la Carfagna. Vestita, peraltro.

Buona lettura, neh

 

 

Uno ci prova anche a fare quello che non demonizza Berlusconi, che si dimentica la tessera della Loggia P2, i mafiosi e i corruttori in parlamento, l’ego smisurato che confina col borderline e tutte le altre porcherie che tutti conosciamo benissimo e che quasi tutti scordano quando si tratta di votare.

E giuro che io ci provo davvero, faccio un sacco di docce tiepide, mi stronco di tisane al tiglio e continuo a ripetermi “suvvia, è solo un governo di destra come tanti altri, siamo tutti democratici, sotto sotto siamo tutti fratelli, è la democrazia dell’alternanza e via di mantra rassicuranti.”

Ormai privo di riferimenti politici al di là del signor Spock in “Star Trek, l’ira di Khan”, uno arriva perfino a dirsi che tutto sommato un mezzo regime vagamente argentino, con a capo un ibrido tra un re travicello e un miles gloriosus, non è poi questo dramma, che alla fine perfino le cose brutte e cattive hanno un ruolo nel grande schema dell’esistenza e poi, insomma, in Argentina c’è il tango che non è così male, no?

Insomma, si cerca la via zen e si prova – dopo aver fallito nell’intento del “non pensiamoci, dimentichiamoci che la politica esiste e occupiamoci di altro” – ad accettare o quantomeno rendere più digeribile il male che non si riesce a rimuovere.
Serenamente. Pacatamente. Piano piano. Come vuole Veltroni.

L’operazione dopo un po’ ti riesce, perché l’essere umano ha grandi capacità di adattamento e se riesce a vivere negli igloo a sessanta sotto zero nutrendosi di yogurt di renna, figuriamoci se non può reggere queste cosucce qui.
Ci vuole ben altro per abbatterci, ha!

Poi, però, quando hai finalmente ottenuto la tanto sospirata semiserenità politica e ti sei quasi convinto che perfino La Russa al governo abbia una sua razionale utilità e che se non la vedi è solo perché lo schema delle cose è più grande della tua comprensione, Orazio, ecco il crollo, il rigurgito dell’inevitabile.

Maledetta Internet.
Sì, maledetta. Perché senza la Rete sicuramente mi sarei perso tutto ciò: apro La Stampa online e scopro che esiste il calendario 2009 “Grandi tra i grandi: i politici per i bambini“. 
Ora, già il nome è tremendo, ma il disgusto da copy è il meno. Ci si mette pure il progetto: fotografie di politici “casualmente” ritratti in atti di grazia e tenerezza con dei bambini.

Di norma detesto tutto ciò che sfrutta l’immagine dei bambini, ridotti spesso a versioni umane dei LOLCats da genitori infami. Figuriamoci che reazioni può suscitare un mix “bambini sfruttati + Schifani”, sponsorizzato dalla Presidenza del Consiglio, del Senato e della Camera.

Se poi clicchi sul link, attratto dall’orrido e poco propenso a cliccare sui calendari alternativi con l’ennesima velina photoshoppata desnuda, il gioco è fatto: ecco il regime che salta fuori.
Il regime, sì, quello vero, cioè quello fenotipico, che puoi toccare. Suvvia, gli aspetti estetici del regime, quelli più tangibili.

Perché tutti gli elementi “reali” del regime (i privilegi, le pastette, l’assenza di democrazia, la disuguaglianza, ecc.) un po’ te li nascondono, un po’ ormai li accetti come assodati e un po’ li dai per scontati come espressione dell’italianità.

Insomma, a noi che ci sia o meno il retroscena del regime non importa.
Ma a noi ultimi mohicani di sinistra danno fastidio alcuni aspetti visivi, cioè l’estroversione del regime, la sua retorica pubblica e i suoi atti trionfali.

Avete corroso la già esile tenuta democratica di questo paese? Fa lo stesso. Ma almeno fate finta che tutto vada bene.
Tanto noi siamo tra quelli che mangiano il surimi a forma di gambero e si convincono davvero che un po’ il gusto gli assomiglia.

Il pensiero del regime già ti aveva sfiorato la mente nei giorni intorno al 4 novembre, quando in tv passava uno spot – tutto rallentatore e controluce – che celebrava le Forze Armate con toni da dittatura bielorussa ed estetica da tv di stato irakena ai tempi di Saddam: militari che passano per le strade e la gente impettita che si alza e gli fa l’applauso, chissà poi perché.

Va visto, perché certe cose tra le righe si percepiscono meglio live che con una descrizione.
Vi basti sapere che si intitola “Grazie ragazzi”, come allo stadio.

Il calendario politici+bambini è la conferma di quel retropensiero novembrino: il regime, stufo del retrobottega, sta venendo fuori nei suoi aspetti estetici, i più fastidiosi per noi sinistrorsi.
Segno che dall’altra parte hanno rotto gli indugi e si stanno finalmente togliendo qualche soddisfazione personale.

Ecco, il calendario “Grandi tra i grandi” è la perfetta incarnazione della weltanschauung berlusconiana.
No, non quella antidemocratica, aziendalista e “brianzola” dell’imprenditore con le mani sporche prestato alla politica. Quella, invece, del “re buono” (che da queste parti era un certo Umberto I, noto cannoneggiatore di poveri che chiedevano pane), del presidente che riceve le classi delle elementari alla Camera e interrompe un Consiglio dei Ministri per andare a recitare a memoria “Rio Bo” ai bambini forzosamente plaudenti.

Basta scorrere un’immagine dietro l’altra, controllando la bile.
Non c’è una casualità nelle fotografie, c’è un indice preciso, un piano estetico/retorico e una line-up studiati a tavolino perfetti nei loro intenti.
E i valori di questa operazione d’immagine sono perfetta espressione di cosa è l’Italia da cartolina di Natale dell’immaginario berlusconiano.

Sembra l’ennesima pubblicità della Bauli, in cui la keyword dominante è “bontà”.
E allora ostentiamola, questa bontà!
Ed ecco i vari politici colti in casuali pose carine accanto a bambini sorridenti. Bambini da cartolina, peraltro, vestiti appositamente a festa (ho già messo in preallarme l’equipe di psichiatri che si occuperà di curare, una volta adulta, la povera bambina col papillon marrone nella foto con Cossiga) e messi lì a figurare, dopo chissà quante dolorose prove circondati da fotografi incazzati e urla del tipo “Michela fai più l’occhio da derelitta, altrimenti il Presidente Schifani poi ti sculaccia, eh!?”.

Telefono Azzurro? Sì, già all’altezza di maggio ho composto le prime 2 cifre del numero. Ma siamo il paese di “Piccoli fans”: di fronte a scene simili la stragrande maggioranza degli italiani si commuove, non chiama di certo la polizia.
Bisogna rassegnarsi.

Al di là dello sfruttamento paraculo dell’immagine dei bambini in situazioni potenzialmente pericolose (ve lo vedete Cossiga che chiede ai frugoletti “la vostra maestra è ancora viva? O è stata bastonata ad arte, come ho – modestamente – proposto?”), quello che spaventa è soprattutto la lineup delle playmate politiche di ciascun mese.

In primis l’opposizione non esiste. O meglio, esiste quello che il berlusconismo considera l’opposizione ideale. Cioè, su 12 fotografie gli “oppositori” sono 2, ovvero un nonnetto democristiano di lungo corso come Franco Marini e – ripescato dall’oblio nonostante politicamente e istituzionalmente conti quanto il mio verduriere – nientemeno che Fausto Bertinotti.

Peraltro il cittadino semplice Bertinotti è ritratto – a conferma di una precisissima progettazione estetica di queste foto – con le uniche due bambine non vestite a festa, anzi opportunamente conciate un po’ da zingare e un po’ da hippy, con un non trascurabile dettaglio per cui una delle due sfoggia sul vestitino un’inspiegabile quanto eloquente stella rossa.

Facendo i ragionieri, un’opposizione democristianissima, vecchia e alle soglie dell’impresentabile, con in più il “comunista fenotipico” da zoo o da commedia di Pozzetto: il mostro da tenere in salotto perché fa chic e anche un po’ orrore alle madame. 

Insomma, Bertinotti se lo coccolano su Mediaset da secoli, è tempo di ritirarlo fuori non appena la crisi si ammoscia un po’.

E dire che l’assenza di esponenti dell’opposizione sarebbe tecnicamente una buona notizia. Pensate che bello sarebbe se i vari Fassino, Rutelli, ecc. si fossero semplicemente eclissati dicendo “Il calendario coi bambini fatevelo voi, noi nonostante tutto abbiamo un senso della decenza e non ci prestiamo ad operazioni paracule di questo genere”.
Ma conoscendo Veltroni & C. è inevitabile pensare che su un calendario così i “nostri” si sarebbero buttati a pesce.
Semplicemente non li hanno invitati.

Segnalo a parte, in quarta di copertina, defilata, una figura mezzo bipartisan come Umberto Veronesi, che sì, si è candidato per il PD “ma alla fine è uno dei nostri, perché fa i miliardi”.

Il resto delle 10 immagini è emblematico: i ministri più in vista, quelli più televisivi, presentabili e utilizzabili a fini professionali (quindi niente leghisti e spazio ai più popolari secondo i sondaggi), due senatori a vita (in sostanza gli unici due ascrivibili alla destra, cioè Andreotti e Cossiga) e i presidenti di Camera e Senato, cioè un untuosissimo Schifani e un Fini a cui bisognerebbe spiegare che gli anni Ottanta sono finiti e il “bronzo” non tira più, soprattutto nella versione “fratello di Sammy Barbot”.

In ultimo, lui: Silvio la Tigre, rigorosamente a dicembre, in una posa che non lascia spazio ad interpretazioni terze: sguardo adorante e – notate bene – bambini non ariani, anzi vagamente stranieri ma non “negri” o “musi gialli” o peggio ancora “arabi”: quel bel mulatto da spot della Barilla, che piace tanto alle nonnine.
E Lui in mezzo, che li tiene in braccio, occhi socchiusi a dire “dio mio come sono buono, sto proprio bene in mezzo ai bambini”. 

Insomma, l’immagine perfetta per il “nonno d’Italia”, che in un paese civile sarebbe qualche vecchietto fotogenico infastidito dalla stampa che lo obbliga a fare la faccia buona mentre beve vinaccio alla bocciofila
In Italia, tristemente, il nonnino buono nazionale ha un ruolo precisissimo: Presidente della Repubblica.

Se vi state chiedendo cosa voglia fare Berlusconi da grande, guardate quella foto e la risposta verrà da sé. Come la nausea. 

Tagged , , , , , , ,

§ 7 Responses to L’anno che verrà – ovvero il mio primo Post sotto l’Albero"

  • siamo sognatori..
    hai last fm?

  • Suzukimaruti says:

    Cioè mai. 🙂

  • il tuo invece è un bellissimo post che io condivido pienamente, sopratutto nella parte dove parli dell’odio che l’elettore di sinistra prova per questa pubblicità di regime che si fanno i governanti.quasi fosse un vanto voler cambiare la costituzione..
    noi siamo sempre dalla parte dei perdenti ma è bello cosi, chi salta sul carro dei vincitori non potrà mai sapere quale gioia proveremo noi quando il nostro paese tornerà a brillare di cultura e democrazia.

  • stellavale says:

    Neanche in un incubo posso accettare sb presidente della repubblica..

  • simonegzz says:

    fantastico post!
    il video mi sembra in particolare una macchietta italica della più becera propaganda americana.
    E’ l’idea delle forze armate nell’era berluscon-larussiana un misto fra spot di forza italia del 94, film di guerra holliwoodiano patriottico di serie c e, come hai scritto, striscione da stadio “forza ragazzi”.
    Dopo la macdonaldizzazione della politica e della società non poteva mancare un quella delle forze armate.

  • regulus21 says:

    Scusami, ma invece di fare il Presidente della Repubblica… il nonnino buono non potrebbe togliere il posto a Lino Banfi (anche se conterrOneo non lo sopporto per nulla) e fare una nuova versione di Nonno Libero: Nonno delle Libertà?

    E’ un suggerimento valido, neh!

  • Sir Squonk says:

    Lei non sa da quanto tempo penso di raccogliere e pubblicare il “Behind the scenes”, perchè in fin dei conti il PslA è una rappresentazione teatrale che dura due mesi, dove ognuno gioca il suo ruolo – e alla fine con quello si diverte (dica, ad esempio: “E intanto il sole tra la nebbia filtra già / il giorno come sempre PslA.” non è un gioiellino di cialtronaggine?)

What's this?

You are currently reading L’anno che verrà – ovvero il mio primo Post sotto l’Albero at Suzukimaruti.

meta