PDL e Mastella: un matrimonio annunciato

March 7th, 2008 § 12 comments

Essendo uno dei politici più vituperati al mondo, Mastella è una gigantesca patata bollente per la politica italiana. Sembra che nessuno lo voglia come alleato, perché fa perdere voti e ha metodi clientelari davvero troppo sul confine col crimine per essere accettabili.

Infatti Sua Ceppalonità è due giorni che piagnucola e fa la vittima: non mi candido, ce l’avete tutti con me, l’Udeur non esiste più, ecc.

Bene, è l’ennesima balla di questa campagna elettorale: sì, Mastella in persona non si candida perché è troppo impresentabile, al momento. In compenso, a quanto pare, Mastella si è accordato con Berlusconi per candidare 4 dei suoi dell’Udeur nel PDL (pare fosse il pagamento pattuito per far cadere il governo precedente).
Insomma, nel PDL c’è pure l’Udeur e, ovviamente, la longa manus di Mastella.

Buono a sapersi: il PDL ultimamente sembra raccogliere davvero il meglio. Ricordatevelo, quando andate a votare. Già, perché questa volta l’Udeur non è nemmeno un alleato: è direttamente “sciolto” nel PDL.

§ 12 Responses to PDL e Mastella: un matrimonio annunciato"

  • Doc says:

    Ci rinuncio.
    Dopo la lista di amici di, segretarie particolari, figlie di amici, pupille di e cusumani assortiti, dopo aver messo insieme binetti e bonino (a proposito complimenti ai radicali per i saldi principi, negoziabili per 3 milioni di euro e 9 posti…ooops, volevo dire 7 posti sicuri), dopo candidature ma-anchiste tipo Colaninno & Calearo Vs. Boccuzzi, dopo esserti inventato intenzioni inesistenti nell’altrui programma, ora riesci pure ad inventarti un accordo organico PDL-Udeur (che peraltro si è sciolto……
    Who’s next ?
    Hitler è clonabile? Se sì finirà sicuramente in lista col PDL….

  • Suzukimaruti says:

    Pippo: l’uso dello stampatello su questo blog è considerato maleducazione, visto che gli altri scrivono in minuscolo.
    .
    E non è umanamente educato e politicamente intelligente insultare chi non la pensa come te. Anche se vota per Berlusconi.
    .
    Se il massimo livello di dialettica politica che riesci a tirare fuori è questo, soprassiedi o vai al bar sport.

  • PIPPO says:

    …..A LUCA BASTA CHE CE SEI TE NELLA DESTRA è TUTTO DIRE……………….
    MA DATTI UNA RIPASSATA ALLE LISTE E VEDI CHE AVANZI DI GALERA CHE TE RAPPRESENTANO………
    A LU. . . . MA VA . . . . .

  • Arnaldo says:

    Gillioli qualche giorno fa citava una dichiarazione di Berlusconi secondo la quale Mastella avrebbe fatto perdere tra l’8 e il 12 al PDL. E io concordo con lui nel pensare che forse l’8 è molto, ma accordarsi ufficialmente con l’Udeur gli avrebbe fatto perdere tanti voti.

    Poi, posso essere d’accordo con te, e pensare che Mastella s’è accordato sotto banco per rinunciare alla propria candidatura. Però penso che sia stato proprio salvare il salvabile perchè Barbato o Fabris sciolti nel PDL non rimarranno “fedeli” a Mastella. Ho più il dubbio che siano accordi singoli, insomma.

    (E comunque, avevano 3 senatori, uno va nel PD, uno nel PDL e l’altro non si ricandida. E ti assicuro, in Campania le clientele di Mastella non si distinguono da quelle di Bassolino. O di De Mita.

  • Suzukimaruti says:

    Arndaldo: sai, se a livello nazionale in elezioni politiche nazionali il leader dell’Udeur si accorda per candidare 4 dei suoi rappresentanti più importanti all’interno del PDL, è palese che l’Udeur di Mastella è in rapporto organico col PDL.
    .
    A livello locale è un’altra cosa. Si sa che i mastelliani sono disponibili a tutto pur di mantenere le poltrone (e le relative clientele), quindi non c’è da sorprendersi se – come in Campania – tengono viva la giunta regionale di centrosinistra.
    .
    Ma il dato politico è certo: sono andati col PDL (con cui si erano accordati per far cadere il governo, in cambio di seggi).
    .
    Certo, sapere che Mastella sta con Berlusconi non sposta un voto di destra che sia uno. Cioè, gente abituata a votare per Berlusconi o per Previti non si fa certo spaventare da Mastella.
    Ma sai, qui non si fa campagna elettorale: mi limito a dire le cose che mi pungono.

  • Arnaldo says:

    Caro Suzuki, guarda che Mastella gestisce le sue clientele allo stesso modo di Bassolino o Cuffaro. E nel momento in cui la sua protezione non è più sufficiente, i clienti si accordano col nuovo padrone. Buona parte del partito va con Berlusconi, ma Cusumano (uno dei 3 senatori Udeur in questa legislatura) è entrato nel PD. E la maggioranza dell’Udeur in Campania è entrata nel PD. Visto che l’Udeur prende la metà dei voti in Campania, il calcolo è facile. L’Udeur s’è liquefatto e i dodici membri che aveva (o almeno quelli non in carcere) cercano di vivacchiare. Chi qui chi boh.

    Poi che Mastella aveva stretto un patto con Berlusconi e questi non l’ha rispettato, mi sembra assodato. E magari c’è anche un patto sotterraneo, è una dietrologia che non si può non tenere in condiserazione. Però dire che l’Udeur è diventato PDl mi sembra eccessivo. Anche – e soprattutto – perchè se hai già deciso di votare un accolita di mafiosi non è che poi uno si spaventa se si aggiungono un paio di ladri…

  • Suzukimaruti says:

    luca: Mastella non è più ministro, visto che si è dimesso. E ora sta con il PDL, peraltro in buona compagnia. Che fai, lo voti ancora?
    .
    Per quanto mi riguarda, sono da sempre di sinistra (genere liberal) e non di centrosinistra.
    Voto, ovviamente, il centrosinistra perché credo nell’alleanza organica tra la sinistra e la parte sana e onesta delle forze di centro e non rincorro il mito della sinistra autosufficiente che governa da sola.
    .
    Vero, il programma di Veltroni non è “di sinistra”: è un programma *necessario*. E le cose necessarie non hanno colore politico.

  • luca says:

    Incredibile Suzuki.
    Fa tutto sto panegirico sui se e sui ma su Mastella dimenticando un dettaglio e cioè che Mastella ha attualmente uno dei dicasteri + importanti della repubblica italiana in forza al governo dei vostri disastrosi elementi da sbarco del governo della MONNEZZA nazionale, famoso in tutto l’universo conosciuto.
    Ma ci pensi a quello che scrivi?
    Adesso hai voltato pagina, dichiarandoti fieramente di sinistra (e non di centrosinistra) buttandoti fra le braccia del Uolter nazionale che ha presentato un programma tutto meno che di sinistra, che avrebbe potuto presentare pure il peggior Berluskaiser.
    Ma da vero comunista quando si sposa una causa, diventa automaticamente un dogma e si difende fino alla morte, negando l’evidenza.
    Va bene Calgaro, dicendo addirittura che è la cosa più di sinistra del PD, la strategia del difendersi attaccando.
    Va bene il prestigioso Boccuzzi, che fino a 3 mesi fa lavorava in acciaieria, tipica mossa veltroniana per quelli come voi.
    Peccato che l’unico buono, almeno per me, se l’è preso Silvione: Daniele Capezzone.
    Ciao ne.

  • Suzukimaruti says:

    Enrica: non sembra, ma questo blog ha molti più lettori destrorsi di quanto si possa credere. Lentamente stanno rinsavendo, ma c’è ancora molta strada da fare 🙂

  • ma perché, qualcuno dei tuo lettori pensava di votare Mastella, i suoi amici o Berlusconi?
    😉

  • …e quindi ce lo ritroveremo con un incarico di Governo.

What's this?

You are currently reading PDL e Mastella: un matrimonio annunciato at Suzukimaruti.

meta

%d bloggers like this: