links for 2008-01-12

January 12th, 2008 § 12 comments

§ 12 Responses to links for 2008-01-12"

  • alberto b says:

    anche Moody’s

  • AkiRoss says:

    Bhe, io sono abbastanza soddisfatto, d’altronde una politica che aiutasse i conti del paese ci voleva, non si puo’ tirare avanti con un deficit assurdo e un debito pubblico gargantuesco.
    Se non erro tra l’altro con Berlusconi il rating della S&P era calato non di poco, ma non sono sicuro fosse colpa della voragine nel debito pubblico che creo’ in quegli infausti anni.

    In ogni caso, S&P non ha fatto solo complimenti, ma io ho garantito all’esecutivo la mia fiducia per 5 anni, quindi credo che il rating salira’ ancora negli anni a venire.

  • Suzukimaruti says:

    Credo ora sia ok: il problema è che il posting automatico da del.icio.us per qualche motivo è diventato inutilizzabile, qui.

  • ciao, volevo dirti che il link non funziona!
    Volevo leggerlo..

    ciao ciao:)

  • Luca says:

    Aspetto con ansia lo stipendio di gennaio per veder se finalmente avrò qualche soldi in più col nuovo aumento.
    La “tronata” l’ho avuta l’altranno grazie alla finanziaria di tps (number one), 2500 euro lordi annui buttati in tasse.
    Gli operai metalmeccanici che lavorano da me si ritrovarono a gennaio 30 euro medi in +. Peccato che in primavera inoltrata sono arrivati gli aumenti dell’irpef regionale e comunale così anche loro se la son presa in quel posto. Le scrive ste cose S&P o Almunia?

  • Suzukimaruti says:

    as: ehehe! Il solito pauperismo di sinistra, ecco! 🙂

  • Suzukimaruti says:

    Luca: le sorti del tuo stipendio “a gambero” iniziano a preoccuparci! 🙂
    Ma non è che ti hanno retrocesso in azienda? 🙂
    S&P non sono proprio gli ultimi peracottari (di fatto sono una delle agenzie di rating più accreditate) e Almunia (che è un uomo di destra, espressione di un Parlamento Europeo a maggioranza di destra) non è certo accusabile di piaggeria nei confronti del Governo.
    .
    E dubito che nel2008 i buoni dati economici siano frutto del governo Berlusconi, contando che nella prima parte del 2006 i dati macroeconomici erano bruttissimi.
    .
    Dai, sono passati due anni. E’ una scusa che non regge più (e che tra l’altro nessuno è in grado di dimostrare).
    .
    Insomma, al di là degli slogan che proclami, non vedo un aggancio con la realtà. Nonostante tutti limiti parlamentari, questo Governo sta facendo incredibilmente (inspiegabilmente?) bene in campo economico.
    .
    Possono stare sul cazzo a chi non è di centrosinistra, ma i fatti sono fatti. E se lo riconoscono perfino i “nemici” come Almunia o i supercapitalisti (e un po’ squali) di S&P, forse qualcosa di vero c’è.

  • as says:

    Son bolscevichi sì: non dirmi che non hai mai riflettuto sul quel “Poor” del loro nome – è un chiaro segnale in codice di anti-capitalismo sfrenato

  • Suzukimaruti says:

    Tra l’altro anche quell’assetato stalinista del Commissario Europeo alle Politiche Monetarie Almunia (che dev’essere un infiltrato rosso nei ranghi della destra portoghese, visto che milità lì) si è complimentato e meravigliato per i risultati ottenuti dalla politica economica del Governo Prodi.
    Leggete qui.

  • Luca says:

    Ah be se lo dice S&P siamo tutti a posto.
    Siamo la vergogna del mondo per colpa di questo governo di incapaci, mi vergogno come un verme.
    Per le rendite finanziarie sono d’accordo però.
    Per quanto riguarda i soldi che si son trovati in + ricordati che han cominciato a trovarseli 2 mesi dopo aver “vinto” le elezioni, quindi la cosiddetta svolta non so fino a che punto è merito di questi.
    Io continuo a guadagnare meno di 2 ani fa malgrado gli aumenti.

  • Suzukimaruti says:

    Post sistemato: misteriosamente del.icio.us da qualche tempo mi riempie i post di caratteri strani. E dire che non ho cambiato nulla nè sul blog nè sulle stringhe del posting automatico di del.icio.us.
    .
    Riguardo al tuo link, beh conferma quello che dico: questo Governo è riuscito ad ottenere uno straordinario boom delle entrate, andando a stanare gli evasori fiscali uno ad uno.
    .
    E infatti ora parte la ridistribuzione, perché troppe entrate segnalano un rischio potenziale per la produttività, se non si interviene a incentivare.
    Già la Finanziaria 2008 ne è ricca, ma soprattutto in questi giorni Confindustria e il
    Governo hanno concordato su come intervenire.
    .
    La ricetta migliore sembra la riduzione del cuneo fiscale, cosa che – ricordo – il Governo ha già fatto, con benefici per imprese e lavoratori (sono addirittura aumentate le assunzioni).
    Montezemolo ha richiesto espressamente altri 5 punti di riduzione del cuneo e Prodi ha concordato. Credo agiranno così.
    Quel che è certo è che la strada per il risanamento economico italiano è stata presa e pure a grande velocità.
    .
    Mettiamola così: se il Governo è davvero composto da bolscevichi assetati di sangue, non fanno nessuna forma di redistribuzione al sistema-impresa e danno tutto ai “poveri” (come vorrebbe Rifondazione) per far recuperare potere d’acquisto (cosa che peraltro rilancerebbe comunque la produttività, anche se con tempi più lenti).
    .
    Se, come penso, sono degli equilibrati economisti (e in questo periodo l’economia è fatta di soluzioni necessarie e non è nè di destra nè di sinistra) faranno una equa redistribuzione: sgravi fiscali alle imprese (ovviamente sgravi non a pioggia ma legati a specifici parametri, per esempio le assunzioni, gli investimenti che le favoriscono, ecc.) e alle famiglie, per far recuperare potere d’acquisto ai salari.
    .
    E visto che sono un governo di sinistra (sotto sotto) faranno una cosa sacrosanta: adegueranno la tassazione delle rendite finanziarie (solo quelle alte, sopra il milione di euro) alla media europea (o ci si avvicineranno). Ricordiamo che in Italia abbiamo una legislazione fiscale in materia che è demenziale: se guadagni un milione di euro vendendo polli (e quindi dando da lavorare ad un sacco di gente, tra dipendenti e indotto), paghi tra una cosa e l’altra il 44% di tasse. Se li guadagni in un giorno con un colpo di mano in borsa (senza di fatto partecipare al sistema produttivo nazionale, senza benefici sull’occupazione, ecc.), paghi una percentuale irrisoria di tasse. Se correggono questo (tutelando i piccoli patrimoni finanziari, quelli delle famiglie “normali”), fanno una cosa buona, giusta e di sinistra.

  • Oddio che casino ‘sto post 😛

    Leggerei anche questo 😉
    http://www.apcom.net/news/eco/20080111_174600_36a5d68_31290.shtml

What's this?

You are currently reading links for 2008-01-12 at Suzukimaruti.

meta