Burocrazia? No, grazie! – AKA La coda è di destra

December 31st, 2007 § 55 comments

Leggo con infinito piacere (perché la burocrazia è la cosa che detesto di più al mondo dopo la sabbia nelle mutande e la juve) che finalmente il Governo fa una cosa che in 60 anni di Repubblica non ha fatto nessuno (nemmeno il Governo Berlusconi, che pure aveva percentuali bulgare e anzi è riuscito a rendere ancora più cartacee e complicate alcune pratiche), cioè dare un taglio mostruoso al vero fattore di rallentamento, vecchiezza e schifo che c’è in Italia: la burocrazia “cartacea” e digitalizzare tutte le procedure burocratiche di questo paese leeeeeeento.

Personalmente non c’è cosa che mi dia più fastidio di dover partire da casa e fare una coda (solitamente in mezzo ad anziani malaticci e sputacchianti) in orari mattutini demenziali in un ufficio pubblico, al fine di compilare pile di fogli di carta che avrei tranquillamente potuto riempire a casa via computer e inviare via Internet.

Il fatto è che lavoro in proprio e se perdo un’ora alle Poste o chissà dove, perdo dei soldi. E li perdo rompendomi le balle. E visto che normalmente mi faccio pagare per rompermele, il danno è doppio.

Ecco una cosa di sinistra, di buon senso, intelligente e moderna. E una cosa che “sentiremo” molto nella nostra vita quotidiana, magari più di cose economicamente più importanti ma meno tangibili.

L’unica ansia è che la casta burocratica (per cui fosse per me passerei negli uffici pubblici a fare licenziamenti al volo con l’ascia bipenne) si inventi nuovi ostruzionismi per bloccare questa innovazione che non esito a definire epocale.

Purtroppo i burocrati sono una casta di brutte persone, spesso corrotte e clientelari, che conferma la propria autorità e superiorità facendosi forza di regolamenti, gerghi e di fatto ostruzionismo al cittadino.
Insomma, il mansionario, i regolamenti alla lettera, i requisiti documentali, ecc. sono il loro potere: se lo Stato li elimina, questi si ritrovano ad essere ciò che sono: semplici dipendenti pubblici che al massimo possono maltrattare qualche nonnina che non ha Internet e non ha nipoti.

Il prossimo che prova a parlarmi male di questo Governo (e continua a dare retta alla TV, che ricordo essere controllata ancora da Berlusconi: 6 canali su 6) si aspetti come risposta il lancio letale sulla nuca di un faldone di documenti a caso, voluti dal Governo Berlusconi.

§ 55 Responses to Burocrazia? No, grazie! – AKA La coda è di destra"

  • Suzukimaruti says:

    Una mostruosità imbarazzante che spero rientri (e se non rientra, incazziamoci). Il solito Rutelli di merda.
    Non ne avevo notizia, tra l’altro. Tanto per citare Toronews: fonte?

  • vb says:

    Suz, un commento al provvedimento governativo di fine anno che mette sotto copyright le foto delle statue e dei paesaggi italiani non lo vorresti fare? Mentre Wikipedia sta cancellando tutte le immagini dell’Italia (un’ottima cosa per il nostro turismo), ci stanno già ridendo dietro da mezzo mondo…

  • Filippo says:

    2008.
    giugno) legge elettorale
    ottobre) cade in governo
    novembre) insediamento governo tecnici UDC-Dini
    2009.
    aprile) elezioni, vince Berlusconi. Un nuovo quinquennio berlusconide che mettera’ l’intero paese in ginocchio.
    2014.
    i 68ini si pensionano e si levano dalle balle, l’italia puo’ ripartire.

  • Luca says:

    Il meglio deve ancora venire… questa me la segno.

  • Riguardo al decreto Pisanu, è proprio un problema di ignoranza: come ha fatto notare Raffaele proprio quel decreto fu votato senza problemi da buona parte della sinistra.
    Non so… magari qualcuno li consiglia male.

What's this?

You are currently reading Burocrazia? No, grazie! – AKA La coda è di destra at Suzukimaruti.

meta