links for 2007-08-24

August 24th, 2007 § 10 comments

§ 10 Responses to links for 2007-08-24"

  • degra says:

    Inoltre le sane bastonate hanno provocato feriti anche gravi, che dovranno (o sono già stati) risarciti salatamente con i nostri soldi, per colpa di idioti che si sono “limitati a bastonare”, sagno inequivocabile che era una cosa da non fare.

    Inizialmente pensavo che la cosa fosse stata solo gestita male, con il solito pressapochismo berlusconiano (per il quale le cose si fanno da sole, basta iniziarle), che fossero stati inviati a Genova militari di leva e con poca o nulla esperienza di manifestazoni, che siano stati lasciati da soli in balia della folla becera (vedi la camionetta di Placanica e compagni feriti, abbandonata durante una ritirata dei colleghi), pestaggi dovuti più allo stress di tutto questo che non ad altro.
    Però le denunce degli stessi poliziotti, le false prove della Diaz, poi scomparse, (senza andare a cercare le varie violenze psicologiche a sfondo fascista di Bolzaneto) non possono non far credere che sia stato tutto fatto per fini politici.
    E male, per giunta.

    Io non sono di quelli che sono fieri di essere italiani, o se ne vergognano quando più conviene, ma certo quella di Genova è stata una delle pagine peggiori della democrazia italiana, soprattutto in un periodo come questo che non sono esattamente gli “anni di piombo”…

  • Suzukimaruti says:

    Beh, Luca, abbiamo valori diversi. Io credo che picchiare gli inermi sia sbagliato. E lo è ancora di più se questi non hanno fatto niente di male.
    .
    La polizia poteva tranquillamente entrare in una qualsiasi casa d’Italia e menare le mani e il risultato sarebbe stato lo stesso.
    .
    Alla Diaz dormivano prevalentemente gruppi pacifisti di ispirazione cattolica, un po’ di gente del Servizio Civile del Piemonte e poco più.
    Gente che non faceva parte dei black block, gente che non aveva nemmeno partecipato agli idiotissimi sfondamenti della “zona rossa”, gente che non aveva fatto altro che sfilare nella parte sana del corteo, quella coi boy scout, per capirci.
    .
    A dire il vero questa tua posizione mi preoccupa un po’. In nome di quale legge e di quale diritto della Polizia sono stati picchiati i dormienti della Diaz? Ma soprattutto, che reato avevano compiuto quelli della Diaz? (nessuno è stato accusato di nulla) E poi ancora: quale reato in Italia è punito con il pestaggio a sangue?
    .
    Ma forse, di fronte ai pestaggi degli inermi, il tuo era un piacere politico e non certo etico. E magari ti dava gioia vedere menata gente che non la pensava come te (peraltro neanche esattamente come me).
    .
    Da quell’ottica violenta all’olio di ricino o alla stella a cinque punte non vedo differenze di sorta.

  • Luca says:

    Suzuki, ti avevo chiesto per cortesia di non scrivere il solito monologo…. niente da fare.
    Non ce la faccio a leggere tutto.
    Dico solo che sono uno dei tanti italiani che si sono sentiti fieri di essere italiani quando ho visto le MIE gloriose forze dell’ordine entrare nella scuola e bastonare giustamente, sanamente bastonare, niente di + che bastonare. Quando ci vuole ci vuole. Viva la polizia e i carabinieri.

  • Suzukimaruti says:

    Genova e’ stata sfasciata dai “black block”. E accanto a loro non c’era nessun poliziotto. Sono stati lasciati liberi di distruggere tutto senza che nessuno intervenisse. E intanto polizia e carabinieri picchiavano tutti gli altri, compresi i frati di Pax Christi, i focolarini, i movimenti nonviolenti, ecc. Mica gli squatters.
    E nemmeno un singolo black block e’ mai stato arrestato. Non uno. Non hanno un nome, un capo, un volantino, un simbolo, qualcosa. Niente.
    Fantomatici come gli “anarco-insurrezionalisti” che ogni tanto qualcuno paventa.
    .
    Quindi la foto di alcuni black block che chiacchieravano piacevolmente di fronte ad una caserma dei carabinieri o le finte molotov per giustificare il massacro alla Diaz (dove tra l’altro dormiva gente tranquilla, in gran parte dei movimenti cristiani, non antagonisti armati) cominciano ad avere un senso.
    .
    D’altronde la dinamica e’ semplice: bastano una decina di provocatori che lanciano il sasso (esattamente come stavano per fare nel video canadese che ho linkato) e ci sono centinaia di idioti estremisti pronti ad andargli dietro come pecoroni.
    .
    D’altronde, Luca, la questione degli “agenti provocatori” non e’ certo nuova: e’ roba vecchia di decenni e si sa che risponde a precise logiche politiche.
    .
    Detto questo, e’ palese che io non sto dalla parte di chi tira sassi, di chi vuole sfondare la “zona rossa” o di chi si fa comandare da gente discutibile come Agnoletto o da idioti come Caruso e Casarini (per cui invoco non la miniera ma un piu’ prosaico call-center, 8 ore al giorno: a lavorare!). Non sto nemmeno dalla parte di Bush, tuttavia.
    .
    Ma in quanto cittadino onesto PRETENDO che la polizia righi dritto e non abbia rigurgiti cileni, che non pratichi torture, che non picchi la gente (si deve limitare ad arrestare chi sgarra, limitando la violenza al minimo), che non infiltri agenti provocatori, ecc.
    .
    Vuoi la mia opinione su Genova? C’e’ stata una precisa azione politica della destra, da poco al governo, per radicalizzare ancora di piu’ l’estrema sinistra. E ci sono pure riusciti, perche’ i vari gruppi estremisti extraparlamentari fanno il gioco di Berlusconi e tolgono voti a sinistra (non a caso erano sempre in tv, all’epoca).
    E poi c’e’ chi ha aizzato la polizia, chi li ha pompati e chi gli ha dato politicamente carta bianca per “dare una lezione” agli squatters. Che saranno pure gente che detesto, ma non voglio che siano picchiati (cioe’ un po’ si’, ma da me :-)).
    .
    Insomma, io non voglio piu’ sentire di scene come a Bolzaneto (torture, pestaggi, violenze, insulti, gente obbligata a cantare canti fascisti, ecc.(, di aggressioni politiche a gente che dorme come alla Diaz, ecc. da parte di gente che porta la divisa italiana e a cui noi tutti paghiamo lo stipendio. E’ una cosa gravissima.
    .
    E poi vorrei sapere chi c’e’ dietro ai black block. Cioe’ chi li muove, chi li guida, chi fa da provocatore. Per dire, un conoscente ex naziskin e’ stato a Genova tra i black block a fare casino e se ne vanta pure in giro. Dice che lo hanno invitato alcuni suoi “camerati” carabinieri: come la mettiamo?
    Il giorno che ne arresteranno uno (giuro: uno solo mi basterebbe) e gli sara’ fatta qualche domanda, forse potremo saperne di piu’.
    .
    Quello che so io e’ che i black block compaiono solo alle manifestazioni anti-G8 e mai nelle altre. E non si sa chi siano. Magari sono solo bravissimi a sfuggire. Oppure…

  • Daniele says:

    Io penso che faccia bene a non abbassare la guardia, Luca.
    E’ ovvio che all’interno dei movimenti ci siano dei violenti, parliamone pure.
    Questo pero’ non puo’ mai giustificare certi comportamenti e certe violenze arbitrarie, fisiche e morali, che sono state accertate e confessate.
    Documentati un po’, leggi i rapporti del Consiglio d’Europa sulla polizia italiana, ad esempio.

  • Luca says:

    Fatemi capire, sapete io sono un italiano medio e non so le vostre cose.
    Spiegatemi: quindi Genova è stata sfasciata dai poliziotti fascisti?
    Dai Suzuki, arrampicati un pò sui vetri come al solito, dai, vediamo cosa spari stavolta.
    Se ce la fai, in 3 righe, grazie, non riesco mai ad arrivare in fondo ai tuoi post.
    Grazie.

  • vb says:

    Certamente non aiuta la presunzione che “poliziotto = fascista sadico e assassino” che ancora aleggia in tutta la sinistra radicale italiana. Esistono certamente gruppi di polizia fascisti, sadici e assassini (vedi Genova), che peraltro si confrontano con gruppi di manifestanti altrettanto violenti e assassini (vedi Genova). Se è vero che a Genova c’erano quasi certamente poliziotti travestiti da black bloc, è anche vero che l’estintore non l’ha tirato un poliziotto travestito: per cui sarebbe ora di fare pulizia dei violenti, da ambo le parti.

  • Daniele says:

    Su Genova e sul comportamento della polizia italiana in generale, visto che giustamente torni a parlarne, mi permetto di segnalare il blog del giornalista Luigi Guadagnucci, presente al momento della famigerata irruzione alla scuola Diaz ed in particolare uno degli ultimi post, intitolato “Dove sono i poliziotti democratici”.
    (www.noidelladiaz.splinder.com)
    Io penso che siano ingabbiati in una cultura organizzativa e corporativa sulla quale, finalmente, anche la sinistra moderata dovrebbe cominciare a lavorare, perche’ da soli non ne possono uscire.
    Purtroppo, come mostrano diversi rapporti internazionali (ma anche eccellenti ricerche italiane come quelle del sociologo Salvatore Palidda), ci accorgiamo che qualcosa non funziona solo quando gli interessati sono italiani, come a Genova. Poche voci in difesa dei non cittadini, gli immigrati, che nelle camere di sicurezza delle questure hanno preso il posto che fino agli 70 – 80 spettava agli italiani.

  • Smeerch says:

    La denuncia più bella in proposito fu quella che Corrado Guzzanti mise in bocca al suo personaggio del massone durante una puntata della trasmissione “Il caso Scafroglia”. 😀

  • S.B. says:

    Sono anni che lo diciamo 🙂

What's this?

You are currently reading links for 2007-08-24 at Suzukimaruti.

meta