Riduzione del danno: una pratica sana anche al cinema

June 18th, 2007 § 4 comments

Apprendo da Repubblica che è uscita la lista dei peggiori film italiani del nuovo millennio, curata da Cinemotore (che è un portale che non conosco e che al momento non è raggiungibile, quindi non lo linko). In sostanza è la lista dei peggiori film degli ultimi 7 anni, secondo i lettori di questo portale, ma fa lo stesso.

La cosa che mi consola è che, tra tutti i film elencati, non ne ho visto nemmeno uno. Anzi, non ho mai nemmeno desiderato – anche tangenzialmente – vederne uno. Anzi ancora, buona parte dei film elencati mi hanno fatto un sano ribrezzo preventivo.

E il tutto mi rende curiosamente fiero: la regola per cui non vado a vedere un film al cinema a meno che non ci siano un 85-90% di probabilità acclarate che non mi dispiaccia si rivela sempre più valida.

§ 4 Responses to Riduzione del danno: una pratica sana anche al cinema"

  • Suzukimaruti says:

    Più che altro l’attendibilità di un sito è stroncata dal grado di raccapriccio sollevato dalla sua grafica.

  • Violetta says:

    Poco attendibile, come quasi tutto il contenuto uscito da Cinemotore.

  • Rob says:

    Mea culpa… io Melissa P. l’ho guardato… credo sia inutile dire che era solo curiosità…

  • Massimiliano says:

    Il sito è ora raggiungibile, ma. diamine, gli serve un web designer, anche alle prime armi, è peggio di una pagina di myspace.

What's this?

You are currently reading Riduzione del danno: una pratica sana anche al cinema at Suzukimaruti.

meta