Segni che ormai siamo in estate e mi girano le balle

May 16th, 2007 § 9 comments

– E’ sparito l’ovetto Kinder, sostituito dal Kinder Merendero (stesso form-factor esterno, stesso sapore se correttamente consumato, ma consistenza e design interni completamente diversi): ormai vale come indicatore del cambio di stagione da anni.

– La pubblicita’ di rimedi contro la cellulite e’ salita a livelli insostenibili. Con tutte le brutture che hanno le donne italiane, devono proprio focalizzarsi sulla trascurabile cellulite? Cioe’, ieri sono capitato su un sito americano che sbandierava ai 4 venti una foto in cui era palese che anche Jessica Alba, lontana dalle photoshoppature da rivista di moda, ha la cellulite e pure non poca. Volete sapere una verita’ crudele? Era bellissima lo stesso. Coi soldi buttati in creme anti cellulite, fatevi raddrizzare i denti, ripulitevi la pelle, curate le occhiaie. Insomma, curate i VERI difetti che avete. Chi se ne frega se sul sedere avete la pelle che fa l’effetto a buccia d’arancia, ananas o banana: se noi maschi siamo arrivati a vedervi la pelle del sedere vuol dire che di li’ in poi non ci ferma piu’ nulla, abbiamo gia’ “comprato”.

– Tutti cercano un tormentone estivo, non accorgendosi che e’ dai tempi di Asereje che il tormentone non c’e’ piu’, sostituito da un maelstrom di canzoni ripescate qua e la’ nella produzione di tutto l’anno precedente.
La mia ipotesi e’ che con il pezzo delle Las Ketchup (che odio con tutto il cuore e mi provoca attacchi di adesione momentanea ad Al Qaeda) si sia sfondato il limite della sopportazione, ben oltre i gia’ critici eccessi che ci furono per “7 Seconds” (all’epoca a furia di subire questa canzone ubiqua imparai a memoria perfino la parte in “africano” e facevo una bellissima imitazione di Neh Neh Cherry).
Per questo motivo non c’e’ piu’ il tormentone: ci siamo tormentati troppo, meglio variare.
Poi magari cambia e tutti ci prendiamo bene per un pezzone come “Stop Me” di Mark Ronson (che in effetti mixa gli Smiths con “You Keep Me Hangin’ On” delle Supremes: cosa voglio di piu’, una pennellatina di Bandiera Rossa e un refrain con l’inno del Toro?)


– Le aziende iniziano a produrre oggetti e alimenti specifici per l’estate: la fottuta stagione in cui per forza bisogna stare leggeri e mangiare cose fresche. Mentre a me la voglia di porcini impanati, fonduta e risotto alla salsiccia non passa. Metteteveli dove dico io i pomodori ripieni!
Peccato che ai pochi resistenti alla “dittatura freschista” si oppongano torme di nutrizionisti televisivi armati dei soliti consigli (mangiate molte verdure crude, bevete molta acqua e privatevi del piacere di mangiare per sempre: poi suicidatevi magrissimi e in piena salute).
A proposito, faccio una scommessa: secondo me gia’ per il weekend del 2 giugno scatta il servizio sui Tg con i turisti che fanno il bagno nelle fontane (mai visto uno dal vivo: esistono solo nei telegiornali, come gli anarco-insurrezionalisti, le mamme rock, il popolo dei fax e Second Life).
– Alla fine e’ una stagione che patisco per mille motivi: la musica, il cibo, la gente, la tv in cui non c’e’ una mazza (e la prospettiva che l’anno prossimo Lost inizi a febbraio mi attanaglia: mi sa che inizio a drogarmi), gli insetti e i turisti (italiani e non).
Ok, d’estate divento misantropo, e allora? Forse e’ l’astinenza da ovetto Kinder, boh.

§ 9 Responses to Segni che ormai siamo in estate e mi girano le balle"

  • marco says:

    L’intero album di Ronson è molto divertente, con pezzi già conosciuti in rete da tempo come la cover dei Coldplay (‘God put yaaaawn…etc) ed il ‘Just’ con video graffittaro dei Radiohead. Se è vero che i Radio Dread hanno rifatto quest’ultimi in versione reggae, Paul Anka il rock in versione crooner, l’etichetta Baby Records che linkasti il rock in versione ninna-nanna, Rythms du Mundo il rock in versione cubana, i Kleptones il rock in versione hip-hop – attendo con ansia il nuovo album di Max Pezzali, in uscita fra qualche giorno.

  • degra says:

    Se ti interessano i tormentoni estivi (e non) passati, frequenta un po’ di sagre paesane con le quotatissime orchestre di Radio Zeta: Asereje, la Bomba et similia sono i pezzi forti, e la gente tutta in pista a ballare.
    Ah, per le fontane abbiamo già dato qualche settimana fa con la turista milanese che ha fatto il bagno nuda nella fontana di Trevi… 😀

  • busco says:

    quoto!! è possibile che l’estate sia per i media la solità banalità con servizi meteo, emergenza caldo ecc e per le industrie un business?! grr ^^

  • Questo post andrebbe benissimo in uno dei libri di Douglas Coupland: più che Generazione X forse siamo la Generazione Ovetto.

  • Anna says:

    Per le occhiaie non c’e’ nulla da fare: e’ una delle grandi sfide alla scienza, con cellulite, forfora e peli.

  • se noi maschi siamo arrivati a vedervi la pelle del sedere vuol dire che di li’ in poi non ci ferma piu’ nulla, abbiamo gia’ “comprato”.

    Mah, qui da me il sedere intero fino caviglia lo mostrano anche sul motorino. Talvolta il bisacciamento lardale ostacola persino il sorpasso sulle corsie adiacenti. E allora devi aspettare che la bodrilla rientri ai box.
    Cmq sono i Lindor ad andare in avanscoperta, a Roma cominciano a zampillare ai primi raggi di sole.

  • Suzukimaruti says:

    Kurai: e’ una specie di fusione alla Dali’ del concetto di Ovetto Kinder! 🙂

  • Mi hai aperto un mondo, lo sai? Quindi il merendero (che di fatto è un ovetto Kinder sciolto) altro non sarebbe che l’istituzionalizzazione della merendina sciolta per il caldo?
    Geniale.

  • pietroizzo says:

    COSA? Lost a Febbraio? Niente più Anticipo Di Stagione Con Pausa Di Sei Settimane?

What's this?

You are currently reading Segni che ormai siamo in estate e mi girano le balle at Suzukimaruti.

meta

%d bloggers like this: