Blu Ray vs HD-DVD: ai porci l’ardua sentenza

January 17th, 2007 § 23 comments

Sto seguendo da un po’ l’ennesima guerra di formati tecnologici che fa male al mercato, agli utenti e rompe le balle. Parlo, ovviamente, della battaglia per decidere quale formato sarà realmente il successore del DVD.

Attualmente si confrontano, scusate se banalizzo, HD-DVD e Blu Ray, formati in grado di far impallidire il “povero” DVD e i suoi 4,7 Gb di dati per layer.
Feature, prestazioni e capacità sono simili (perdonate la banalizzazione), anche se inbubbiamente il Blu Ray sembra essere lo standard più avanti e soprattutto il più diffuso, tanto che compare già su un po’ di modelli di notebook di fascia alta e, soprattutto, sarà presente di default sulla PS3.

Sembrerebbe una battaglia (inutile) vinta da Sony, che è la principale beneficiaria della tecnologia Blu Ray, contro i supporter di HD-DVD (su tutti Microsoft, che non a caso ha un lettore HD-DVD per l’Xbox 360), ma c’è un “ma”…

Nelle guerre di formato non è la qualità tecnologica a decidere, ma è il mercato. Se si vendono più Blu Ray, tempo un mese e i concorrenti si adegueranno. Se accade il contrario, idem. Se pareggiano, aspettiamoci (a prezzi più alti) lettori ibridi (già ce n’è uno in arrivo), esattamente come è capitato coi DVD+R e -R.

Il problema, quindi, è capire cosa farà il mercato e non le aziende produttrici di computer, che sembrano aver scelto il Blu Ray in maggioranza.
E qui casca l’asino, perché la storia della tecnologia è piena di esempi di veri e propri ribaltoni causati dal mercato contro le indicazioni o le previsioni dell’industria.

Ricordate il VHS? Decenni fa vinse la sua guerra di formati contro il Betamax, supportato dalle major cinematografiche e dato per vincente sicuro, pur essendo il formato peggiore come qualità, compressione, ecc.

Il motivo? Uno solo: il porno. Già, chi voleva comprare o affittare un film porno si doveva adeguare: o comprava un lettore/registratore VHS o ripiegava sul catalogo di Postal Market o faceva una bella doccia fredda.
I titolari della licenza Betamax, infatti, non acconsentivano alla pubblicazione di pornografia sul loro formato. Errore clamoroso: di fatto col VHS nacque l’industria dell’home-video e in primis il consumo casalingo del porno, attività fino ad allora impensabile e poco praticata da ricchi possessori di Super8 oseè.
Fu subito un boom e il Betamax, vincitore annunciato, finì con le pive nel sacco. (Se qualcuno di voi ha visto “Omicidio a luci rosse” di Brian De Palma, sicuramente ricorderà la fatica che fa il protagonista ad ottenere il film incriminato in versione Betamax)

Con la nuova guerra dei formati si rischia uno scenario simile, anche se gli esiti sono meno scontati che allora.
I titolari del formato Blu Ray, infatti, stanno facendo i salti mortali pur di impedire al mercato del porno di utilizzare il loro formato. Boh, forse hanno la memoria breve. Oppure ragioni che non colgo, magari puritane.

Ovviamente per l’HD-DVD è un invito a nozze. E non a caso alla fiera dell’industria pornografica che si tiene a Las Vegas a due passi dal CES i produttori di pornazzi non hanno avuto dubbi: scelgono l’HD-DVD che, a loro detta, è più facile e meno costoso da produrre rispetto al Blu Ray. Vero, il secondo garantisce maggiore qualità video, ma suvvia: è l’ultima cosa a cui si fa caso cercando di non morire di noia guardando un film porno, no?

Resta un interrogativo. A parità di scenario accadrà lo stesso ribaltamento di fronte?

Sono dubbioso. Da un lato capisco che l’industria del porno abbia un fatturato e un giro d’affari non trascurabile.
Dall’altro mi rendo anche conto che l’home video in generale potrebbe diventare un fossile tecnologico, tra un po’. Insomma, l’IPTV è ormai una realtà tecnologica che difetta (per ora) di strutture e contenuti, ma non può che crescere e – credo – sarà il futuro.

Quindi, la possibilità di avere del porno su disco è così importante, ora che è così facile (più variegato e relativamente poco costoso) averne via Internet? Se la risposta è sì, il vantaggio di Blu Ray potrebbe assottigliarsi, sparire e chissà cos’altro. Se è no, bisogna capire quanto contano le dimensioni (a scrivere di porno bisogna fare mooolta attenzione al lessico, altrimenti si finisce nell’imbarazzo involontario) quanto conta l’entità del mercato del porno e quanto può incidere su scelte tecnologiche di questo genere.

§ 23 Responses to Blu Ray vs HD-DVD: ai porci l’ardua sentenza"

  • Suzukimaruti says:

    Oh, l’HD-DVD è MORTO!

  • Alex says:

    NOTIZIA DEL 23/GENNAIO

    LA WARNER PROLUNGHERA’ DI TRE SETTIMANE LA
    DISTRIBUZIONE IN HD-DVD . Per cui fino a giugno
    salvo ulteriori estensioni come probabile .
    Evidentemente la WARNER tiene i piedi su due staffe aspettandi X-BOX con HD-DVD interno
    atteso per 2°-3° trimestre 2008 .

  • Alex says:

    La Sony e partners si stanno affrettando a mettere sul mercato dischi in VC1 ma a quanto si
    sa , il sistema Blu Ray non supporta pienamente
    il codec VC1 salvo l’uscita di nuovi lettori con
    software aggiornati . Non tutti i lettori già
    in commercio supportano il nuovo aggiornamento .
    HD-DVD non necessita di aggiornamenti , neanche
    gli apparecchi più vecchi perchè supportano gia
    il true digital HD e il dolby 7.1 e non solo 5.1 canali . Saluti da Alex

  • Alex says:

    Ciao Suzukimaruti , ti confermo che non ho
    buttato soldi ne per HD-DVD ne per Blu Ray , ma
    se pensiamo alle vecchie battaglie di sony con Betamax vs VHS o Sony con Mini disc , sono convinto che alla lunga (fine 2008 – metà 2009)
    se anche il HD-DVD dovesse essere surclassato da
    Blu Ray , anche questo formato diciamo per così
    dire vincente , non avrà vita facile perchè :
    1)Sia HD-DVD che Blu Ray cioè i dischi ottici
    purtroppo sono già superati dalle memorie a
    secco .
    2)Il costo di un lettore Blu Ray rimarrà alto
    ancora per un pò .
    3)I supporti costeranno sempre più che un DVD .

    Ricordiamoci che il successo avuto dai masterizzatori cd/dvd è dovuto dal fatto che
    puoi duplicare un film o un brano al 99,999 %
    di qualità come l’originale .
    Per i CD verso CD-R con cavo ottico al 100 %
    Da DVD a DVR-R /RW al 92 -98 % con un buon collegamento Scart o meglio composito .
    Con l’avvento della High Definition questo
    NON lo puoi fare perchè i futuri Blu Ray R/RW
    o HD-DVD R/RW non avranno l’ingresso HDMI ma solo
    l’uscita . Come ingresso solo scart o al massimo
    il composito . In sostanza è come avere una Ferrari e girarci solo ai 50 all’ora .
    Quasi nessuno andra a spendere cifre folli per
    comprare un registratore HD e non sfruttarlo .
    I produttori di film certamente non daranno il
    benestare a togliere l’ HDCP protettivo con
    l’aggiunta di un HDMI in ingresso .
    Concludo dicendo che il maggior successo tra i due c’è l’avrà chi saprà accalappiarsi il mercato del porno . Certamente non sarà la Playstation 3 o
    X-BOX a decidere le sorti .
    Chi compra i film Porno vuole la migliore qualità possibile e il minor prezzo possibile d’acquisto e
    questo le case cinematografiche per adulti lo sanno bene . Per cui la battaglia è ancora tutta
    da giocare . Saluti da Alex

  • Suzukimaruti says:

    Come sempre i commenti più folli sono quelli che arrivano mesi e mesi dopo che uno ha fatto un post. questo, nellospecifico, 10 mesi dopo…
    .
    Ed è curioso che questo commento arrivi nel momento in cui l’HD-DVD è morto e sepolto, visto che non c’è più una singola casa di produzione cinematografica che lo supporta e tutte le major hanno firmato esclusive per il Blu-Ray.
    .
    Insomma, caro Alex, mi auguro che tu non sia uno dei 4 gatti che ha buttato soldi nell’HD-DVD e ovviamente avverto tutti i lettori: NON COMPRATE LETTORI HD-DVD, il formato è morto e sepolto e non usciranno più film compatibili.

  • Alex says:

    Ciao Ragazzi Leggete anche questo :
    http://en.wikipedia.org/wiki/CH-DVD

    Se è su wikipedia è vero .

    Saluti e Auguri a Toshiba per HD-DVD .

  • Alex says:

    NOTA BENE :

    1) Il codec del HD-DVD é molto migliore del
    Blu Ray disc .
    2) Il tempo di caricamanto del lettore HD-DVD
    è inferiore .
    3) I cinesi si apprestano a sfornare il CH-DVD
    evoluzione del HD-DVD . 54 GB in single layer .
    4) Costi di produzione Blu-Ray da 3 a 4 volte
    maggiori che il HD-DVD .
    5) Nuova X-BOX con HD-DVD interno 3-4 trimeste
    del 2008 .
    6) I lettori HD-DVD hanno obbligatoriamente una
    porta Ethernet per connessione Internet e
    collegarsi ai server delle case
    cinematografiche per scaricare fil online .
    7) Leggete qui :
    http://www.4news.it/2Tech/Blu_Ray_Vs__HD-DVD:_i_due_formati_a_confronto-739/Pagina5

  • Bene Male says:

    Mi sembrano tutte considerazioni interessanti e ben formulate, tuttavia al momento risultano esserci veti o divieti alla produzione di materiale pornografico su dischi BluRay? Mi sembra di no.
    Voglio dire che l’idea di un futuro senza supporti fisici del genere è quasi ovvia, ma ancora lontana. E non dimentichiamoci delle battaglie legate all’home gaming, in cui Playstation cercherà di mantenere la sua posizione di leader. Al momento, se vi fate un giro su internet troverete disponibili in commercio molti più titoli su BluRay che non su Hd-Dvd, e sul sito di Private Video (numero 1 nel settore di vendita DVD online per adulti), trovate ancora solo DVD o Divx da scaricare a pagamento. In effetti il passato recente ci insegna che l’ibrido DVD-DIVX è stato un passo necessario ed utile, peraltro ha reso possibile il supporto di un formato più scadente ma fruibile da tutti (e quì la praticità ha vinto sulla qualità). Credo che in caso di sopravvivenza comune dei due nuovi formati, non ci sarà alcun problema nel produrre lettori multipli. Bisognerebbe piuttosto chiedersi perchè nell’era del digitale “facile” siamo tornati a dover “scegliere”,ma la risposta la sappiamo già, il commercio è sempre più forte del progresso…

    P.S: Ho la fortuna di avere a disposizione sia BluRay che HD-DVD, secondo me non si somigliano per niente!
    Vedrete e giudicherete voi stessi…

    Saluti!

  • Bella lì says:

    Io personalmente tifo qualunque dei due… Voglio qualità, nei pornazzi!! Basta con luci che vanno e vengono, primi piani sgranati, contenuti speciali assenti e audio in presa diretta pietoso!! eccheccazzzzzz!!

  • ioio says:

    Certo Suzuki. Sul Video 2000 ci stavano ore e ore perchè aveva lato A e lato B !!!!! si registrava su tutti e due i latiiiiiiii. Vabbè….basta che mi sento vechio.

  • Suzukimaruti says:

    ioio: nono, il videop 2000 me lo ricordo eccome! Su una “cassetta” ci stavano ore e ore di video. Credo di averci visto “Paris Texas”, lì sopra, a casa di una trascurabile ex, nel 91 o 92.
    Tecnologia Philips dimenticata da tutti, come la DCC (digital compact cassette) in campo musicale…

  • MarioEs says:

    Davvero interessante questo “ago della bilancia” dello sviluppo tecnologico dal VHS al “chissà cosa (Blu Ray e dintorni)” rappresentato dal porno.
    Mi ha “innescato” un pò di riflessioni per un post prossimo venturo.
    Grazie e alla prossima.
    MarioEs

  • ioio says:

    Poi sta storia dei pornazzi qualcuno me la deve spiegare. Sembra molto quella del voto a Berlusconi: nessuno ammette di averlo dato ma poi si ritrova percentuali folli (folli dato il soggetto). Quindi essendo il mercato dei porno il 50% del mercato dell’home video (oddio lo era un tempo ora non lo so) o c’è uno che affitta come un dannato oppure ci sono tanti bugiardoni.

  • ioio says:

    nessuno che si ricorda il povero video 2000 della philips…….ingratiiiii

  • thisend says:

    Io personalmente tifo Blu Ray… Voglio qualità, non pornazzi!!

  • Jakala says:

    In effetti se cominciassero ad uscire dei dvd delle serie tv con tutti i possibili extra dentro uno o due dvd potrebbe essere un’opzione in più per il consumatore.

    Va ricordato oltre alla disputa fra vhs e betamax anche la disputa minidisk vs cd.
    Anche qui il fatto che i minidisk fossero usati solo dagli artisti della sony music e basta, mentre in cd uscivano tutti influi sulla scelta del supporto più diffuso.

  • Interesting ! Qualche sera fa su Cult c’ era un notevole documentario su Gola Profonda e si faceva riferimento proprio al fatto che i VHS diedero vita al mercato del porno come lo conosciamo oggi . Pensa che il produttore e il regista del film smisero di fare film porno perchè capirono che cio’ a cui si andava incontro erano produzioni di tipo prevalentemente “Gonzo” ovvero in cui non c’è trama e la scena di sesso è il film ( come i film che oggi sono su internet) . Gola profonda invece era realmente rivoluzionario : era un film porno ma era anche comico e ironico ( celebre lo spezzone del razzo che si stacca dal dock di lancio mentre linda pratica la sua famosa fellatio ) e aveva una sceneggiatura , una fotografia , insomma tutti i crismi di un vero e proprio film , dalla produzione alla distribuzione. Il Vhs uccise questo tipo di film perchè come detto favori’ lo sviluppo di un porno duro e crudo e anche perche stronco le sale cinematografiche , habitat naturale di film come Gola profonda ,progettati per essere cinematografici . Tutto questo excursus un po fuori tema per dire che allora la battaglia ebbe side effects considerevoli ,adesso credo che invece sia condotta in maniera molto piu’ consapevole . Di fatto anche se il prno su internet ha una diffusione enorme , anche il porno home video non scherza . Ogni anno i fatturati crescono e la produzione aumenta , ergo il consumo è alto . Basti in effetti guardare le folle che accoroono alle convention e alle varie fiere del porno in giro per il mondo . Vabbuo’ ,fine divagation ! a presto !

  • Blutarsky says:

    Giuro che avevo in mente un post simile. E comunque complimenti!

  • Suzukimaruti says:

    Beh, no, il Blu Ray l’hanno già decrittato 🙂

  • A X E L L says:

    Due post che parlano di porno, il tuo (meno) e il mio (di più), ci siamo sincronizzati? 🙂

  • garethjax says:

    Vhs atto secondo ? Interessante.
    Comunque quello che potrebbe dare la spinta in più potrebbero essere i dvd delle serie televisive passate.
    Invece che un ingombrante cofanetto (per carità stiloso!) , una sola confezione con 1 o massimo 2 dischi blue ray.
    Dico Blue Ray, perchè Warner Bros è nella cordata con Sony.
    Insomma una compressione spaventosa, e non parlo del codec mpeg4.

  • Bella lì says:

    scusa…

    Molto interessante la disquisa. Rimarrebbe anche da capire il discorso delle precauzioni protezioni: se non ricordo male BluRay è stato tirato fuori anche per farlo diventare impossibile da copiare—quindi anche i piratazzi, oltre che i pornazzari, ci butteranno l’occhio.

  • Bella lì says:

    Molto interessante la disquisa. Rimarrebbe anche da capire il discorso delle precauzioni

What's this?

You are currently reading Blu Ray vs HD-DVD: ai porci l’ardua sentenza at Suzukimaruti.

meta