Barcamp, interstizi e conversazioni

December 3rd, 2006 § 16 comments

L’impressione principale che ho avuto dal Barcamp di Torino troverebbe d’accordissimo il mio cane. E’ che ne sono uscito – dopo 12 ore abbondanti – con l’idea che le cose più saporite stiano negli interstizi, negli spazi tra una cosa e l’altra.

Mi spiego meglio: il bello di eventi come il Barcamp (che teoricamente dovrebbero abbattere il muro che nel bene o nel male si forma nelle tradizionali “conferenze frontali” tra chi sta in cattedra e chi ascolta) è che si presentano come formidabili occasioni di relazione.

Cioè, io l’ho vissuto così: è vero che ci sono 50 mini-conferenze che, teoricamente, dovrebbero essere aperte, ispirate dall’idea della libera condivisione del sapere, ecc. ma a me interessa andare lì per chiacchierare con gente che stimo (o che mi interessa conoscere o che scopro lì sul momento), fare comunella, contarcela, dibattere, cazzeggiare. Insomma, per usare un verbo serio, relazionarsi.

Dopo 12 ore di Barcamp e affini mi sono reso conto che lo spirito è questo, visto che il 90% delle persone alla fine non era lì per le 50 conferenze ma per incontrarsi e discutere, condividere, far girare biglietti da visita, lanciarsi alla conquista dell’Universo, ecc: fare, cioè, quello che a scuola ci hanno sempre vietato, ovvero commentare ad alta voce le lezioni, dire la propria dall’ultimo banco, uscire in corridoio per approfondire o divagare, ecc. Il tutto in libertà.

Insomma, l’esperienza del Barcamp non è certo rappresentata dai momenti ex cathedra, che pure sono stati singolarmente interessanti, ma dagli spazi di cazzeggio libero tra una conferenza aperta e l’altra (e alcuni durante). Anche quelli, magari meno istituzionalizzati ma non per questo meno validi, sono momenti di condivisione, di scambio, ecc.

E’ tutto il pomeriggio che penso a quella scena di “Caro Diario” in cui Moretti confessa di trovarsi bene solo nei viaggi tra un’isola e l’altra. Per me è stato così: ho bazzicato quasi esclusivamente i corridoi del Barcamp, affollatissimi come non mai, prima dopo e durante le conferenze.
In casi simili, tra un capannello e l’altro, le conferenze si auto-formano: uno sale in cattedra per 15 secondi, dice la sua, gli altri chiosano, poi la palla passa ad un altro e così via: siamo tutti transitoriamente conferenzieri .

L’impressione che ho avuto è che non servano tanto *i temi* su cui conversare, ma *le occasioni* per conversare. E non è affatto obbligatorio che queste siano prefissate: si formano da sole, in base a chi c’è, ai temi del momento.
Può sembrare paradossale, ma il cazzeggio libero è solo apparentemente caotico. In realtà è una condizione ordinata (a modo suo) in cui le persone si auto-organizzano, cambiano argomento a piacimento, seguono un filo logico tacitamente condiviso, non si pongono problemi di ruolo o di autorità e – soprattutto – osano intellettualmente molto più di quanto riescano a fare dall’alto di un palco o di una cattedra (luoghi da cui ben pochi oserebbero dire volutamente qualcosa di azzardato). Una vera conferenza collettiva, democratica e paritaria.

§ 16 Responses to Barcamp, interstizi e conversazioni"

  • Axell says:

    OT> foto del presepe + post da me… 🙂

  • la mela sonica says:

    domanda:quanto rimarrà?come rendere concreto il feeling paritario che si è respirato?
    il vostro scroccone di fiducia che arriva tardi e recupera i testi…farà disseminazione con i suddetti libercoli…
    😉

  • Pietro says:

    bravo, condivido! Peccato che non ci siamo visti! Io sono andato stoicamente a fare la mia presentazione pur se influenzato e poi sono stato con Axell, Estragon e Gomma a fare a chi ce l’aveva più grosso (lo smartphone, ovviamente)

  • stefigno says:

    Non ho ancora partecipato a nessun barCamp data la mia lontanza (rm) e non vedo l’ora di essere presente a quello che si terrà in capitale…il segreto del BARcAMP (credo e presumo, avendo letto molto di quello di milano e cercando di fare lo stesso per quello di Torino..) è NELL’ISTINTIVITà DELLE CONVERSAZIONI DELLE DISCUSSIONI DEGLI INTERVENTI, TIpo tavola rotonda, tipo gioco della bottiglia,tutti vicini, tutti a guardarsi negli occhi ad ascoltare ed elaborare ..concordo pienamente con quello detto e scritto da Suz, lasciamo al popolo dei presenti la loro più totale libertà “organizzativa”..

  • Samuele says:

    Sempre d’accordo con te.
    Tranne su una cosa. 🙂

  • Miki says:

    Io ho partecipato solo al post-Barcamp: una pizza in compagnia e un caffé moooooolto lungo!!! Serata alternativa. Piacevole. Simpatici questi bloggers!

    ps: visto che ho portato fortuna … anche a distanza?! 🙂 Grande Toro!

  • Axell says:

    concordo con la signora Mafe…

  • thisend says:

    Vorrei tanto venire ad uno dei tanti barcamp.. ma dato che sono ancora piccolino mi sa che ce ne vorrà prima che anche io sarò lì con voi!

  • zoro says:

    guarda, oggi mi sento trackbackista però fondamentalmente mi caco pure un po’ il cazzo e fare il trackbackista quindi viro verso un sano anarcoliberismo (pur non abbandonando per sempre tentazioni di negazionismo) per dirti che sono d’accordo con la tua mozione, anche e soprattutto in quanto non Morando. A presto, grazie di tutto e al prossimo attivo.

  • svaroschi says:

    (il commento di prima se mbra non essere stato “assimilato”)
    http://barcamp.org/RomeCamp

  • winston says:

    I filosofi dell’antica grecia, con qualche eccezione, tenevano elzioni che erano simposi, convegni, chiacchierate tra liberi pensatori. E le basi del sapere umano sono nate in quei consessi. Successivamente siamo passati alla divulgazione lineare del sapere (uno parla e molti ascoltano supinamente). E forse ci siamo perso qualcosa… Ma perchè cose come il Barcamp a Roma non le fanno?

  • Infatti è esattamente questo. C’è stata una erronea percezione iniziale dovuta ad un desiderio di voler forse essere troppo ligi: hanno organizzato *troppo* per il tipo di conferenza che è il BarCamp.

    Il solo fatto, che non è successo, che ognuno deve porre il SUO post-it sul tabellone degli orari e delle sale, fa capire il senso.

    I capannelli che tu citi, fondamentali prendono due dimensioni in un BarCamp: quelli segnati sui post-it e quelli che nascono rapidamente.

    Ma non sminuire il valore di quelli unofficiali del tabellone: senza quelli, sarebbe davvero molto più complesso sia dare un minimo di struttura all’evento, sia proporre idee.

    Il “problema” è quello che citavo: essendoci stato un tabellone pre-configurato e una sala in cui c’era troppo il mood da conferenza, il risultato è che qualcuno, come tu stesso fai notare, ha percepito l’idea di BarCamp come una conferenza e poi tanti gruppi fuori. In realtà il BarCamp è il concetto del portare in evidenza spunti tramite gli “eventi” veicolati dai post-it. 🙂

  • mafe says:

    Incondizionatamente d’accordo. Secondo me almeno noi “vicini” (diciamo il triangolo Mi-To-Ge) dovremmo trovarci almeno una volta al mese per cazzeggiare, chiacchierare, gustare il piacere di trovarci con chi condivide un certo modo di vedere la rete.

What's this?

You are currently reading Barcamp, interstizi e conversazioni at Suzukimaruti.

meta