RIP – Philippe Noiret – aka “Il Perozzi”

November 24th, 2006 § 14 comments

“Io restai a chiedermi se l’imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due” (Philippe Noiret/Perozzi in “Amici miei”, a proposito di suo figlio, rigidissimo e imbottito di senso del dovere)

Scompare Philippe Noiret, cioè un signor attore, bla bla bla.

In verità per quanto mi riguarda posso anche dimenticarmi “La grande abbuffata” e la versione cinematografica di “Zazie nel metrò” e finire per ricordarmi solo la sua interpretazione del Perozzi nei primi due “Amici miei”, film che temo di sapere a memoria dalla prima battuta ai titoli di coda. (una preghiera per gli amici: evitate in mia presenza di citare anche una sola frase da “Amici miei”, perché poi mi sento in dovere di citare per intero tutto il passaggio, poi la scena successiva e così via per ore, fino a quando qualcuno mi tramortisce con un forte colpo di randello – nodoso – alla nuca)

E’ sua la voce fuori campo che racconta i primi due film. La stessa voce che ad un certo punto produce l’indimenticato: “Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità di esecuzione”.

Non prendetela come una reductio: è che la sua parte in quei due film mi basta e avanza per considerarlo un grande (doppiato perfettamente – nel primo film – da un ottimo Renzo Montagnani, poi chiamato nel secondo a interpretare il Necchi al posto di Duilio Del Prete). Per quanto mi riguarda, la sua carriera può fermarsi qui: non ho bisogno di altro.

Mi resterà sempre il dubbio se anche lui, prima di morire, ha fatto la supercazzola al prete (quella che – quando danno il film in tv – solitamente viene tagliata).

§ 14 Responses to RIP – Philippe Noiret – aka “Il Perozzi”"

  • Antani says:

    E la scena in cui Tognazzi prima fa le menate alla ragazzina e poi le da’ l’appuntamento???
    grazie Perozzi e….come se fosse…..

  • zagor says:

    Qui si vota senza tentennamenti per la scena della contorsionista

  • pakistano says:

    Straquoto! Noiret e’ il Perozzi e basta! E solo un grande come te poteva scriverlo in questo modo.

  • Fabrizio says:

    Mamma mia, quelle canzoni tristissime di quando il Maschetti sta nel seminterrato. Stanotte, recuperando il jet-lag, mi sono rivisto il 2ndo.
    Forse dovremmo indire il concorso sulla scena più bella: io sarei per quella in cui gli molla “tutto il blocco”..

  • Suzukimaruti says:

    fabrizio: verissimo. mentre nel terzo, almeno nella prima scena, la voce narrante è il Necchi (e anche la voce cantante, visto che alterna una serie di canzonacce tremende, da “Laiula” a “Ventun Trentun”, ecc.):-)

  • Fabrizio says:

    PS: il doppiatore era Pino Locchi.

  • Smeerch says:

    Questa cosa del taglio non la sapevo. Sarà che io l’ho sempre visto in VHS. 🙂

  • Fabrizio says:

    “E’ sua la voce fuori campo che racconta i primi due film.”
    La voce fuori campo è la sua solo nel primo. Alla fine del quale lui muore, non dopo aver fatto lo scappellamento a destra al cappellano venuto a dargli l’estrema unzione. Nel secondo la voce fuori campo è di Tognazzi.
    Carletto.

  • winston says:

    Antani…io mi sento, con doppio scappellamento a destra, abbastanza triste.

  • Axell says:

    Oh… Secondo me Moschin si tocca… è l’ultimo rimasto. 8-/

  • Gomma says:

    Un altro pezzo della mia firenze che se ne va (il bar del Necchi a poche centinaia di metri da casa dei nonni, la Nazione subito di là d’Arno, i luoghi – tutti – della mia infanzia). Che dire, sono triste. Riposi sotto una coltre di ironiche risate. Ne ho parlato anche io oggi… Chissà se avrà un funerale come quello del primo amici miei.

  • Suzukimaruti says:

    phibbi: due applicazioni di mezz’ora l’una. Subito!
    (poi, fosse un audioblog ti farei un’imitazione di Don Ulrico) 😉

  • phibbi says:

    vediamo se è vero che lo sai a memoria: se ti dico AFASOL?

    🙂

  • Axell says:

    Io ieri sera ho messo su anche il video del coro…
    (che cantavamo durante la lezione di matematica alle superiori, bei tempi)

What's this?

You are currently reading RIP – Philippe Noiret – aka “Il Perozzi” at Suzukimaruti.

meta

%d bloggers like this: