Rettifica: i SUV non sono tassati

October 2nd, 2006 § 17 comments

A quanto pare – ma dovremmo prima leggere esattamente la norma – c’è stato un cambiamento in corsa per cui la tassa si applicherà solo ai mezzi che pesano più di 2,6 tonnellate, quindi praticamente solo ai cassoni tipo gli Hummer (e le Range Rover, che però credo saranno fatte dimagrire di qualche chilo, visto che sono giusto sopra i 2600 Kg).

Così è una norma ragionevole: si fa pagare il peso dei mezzi, che poi è ciò che ne complica l’andatura, i consumi, l’inquinamento, ecc, immaginando che – ragionevolmente – un’auto da più di 2,5 tonnellate è difficile che sia compatta e filante. Insomma, i propositi belligeranti dei Verdi sono stati rispediti al mittente.

Quindi l’unico elemento riscontrato di mia perplessità sulla Finanziaria è stato – pare – risolto brillantemente. Anzi, hanno finalmente messo un superbollo sugli Hummer, che sono veicoli odiosi, brutti a vedersi e comprati solo da gente orribile che usa l’auto come prolungamento del pisello.

La cosa bellissima è che, dopo aver scritto un post chilometrico, mi trovo a ritrattare. Che fatica, essere blogger.

§ 17 Responses to Rettifica: i SUV non sono tassati"

  • Suzukimaruti says:

    Michele: 🙂

    Attendiamo un modello che si chiami EYP (che sta per Enlarge Your Penis)

  • Suzukimaruti says:

    Duilio: tanto ad andare in centro con una Passat SW e una Classe ML, finisce che occupi lo stesso spazio.
    .
    Noi, per dire, abbiamo una Smart per muoverci in contesti urbani e una seconda macchina (per ora una Grande Punto, ma contiamo di prendere un nuovo Freelander, prima o poi, visto che ora arriva sul mercato) per viaggiare comodi e – soprattutto – col cane non sacrificato.
    .
    Il fatto è che chiunque guidi un’auto a 4 ruote motrici, magari con il posto guida un po’ in alto, non cambia più. Lo stesso vale per le auto con il cambio automatico: mi chiedo come abbiamo fatto noi italiani retrogradi a vivere senza.

  • Suzukimaruti says:

    francesco: fai bene i conti e verifica al link che ti riporto sotto, perché il calcolo complessivo delle tasse non è solo l’IRPEF, ma le detrazioni, le addizionali, le trattenute alla fonte, ecc. E a questo aggiungi gli stipendi più alti causa riduzione del cuneo fiscale. Cioè, fai il conto completo. Anzi, segui le simulazioni a questo link e vedi in che categoria rientri.
    Credo che al Governo ci abbiano fatto attenzione, se dichiarano che il 90% dei cittadini non ha avuto aumenti di tasse, no? Anche perché è un’affermazione importante, che si fa con molta cautela, dopo accurate verifiche, no?
    .
    http://www.repubblica.it/2006/09/sezioni/economia/conti-pubblici-19/simulazione-stipindio/simulazione-stipindio.html
    .
    Riguardo a SUV e familiari (e pure le monovolume): normalmente un SUV ha le dimensioni di una berlina, incluse le dimensioni interne. Per dire, sul mio vecchio Freelander ci stava una quantità notevole di roba e il mio cane ci ballava dentro. Non è che per magia i SUV sono grossi come station-wagon fuori e come utilitarie dentro… 🙂
    .
    Riguardo alla tenuta di strada, bisogna provare per credere: lo dico dopo anni di possesso di un SUV, è un altro pianeta (era un Land Rover, quindi quanto di meglio si possa trovare nel 4×4, ma proprio perché era “intelligente”, cioè capiva come dosare la coppia sulle 4 ruote e spesso mi andava praticamente tutto sulle ruote davanti, con consumi assolutamente ridotti rispetto alla BMW serie 3 con cui condivide il motore diesel). Certo, le auto a baricentro alto solitamente sono a maggior rischio rispetto a quelle basse e filanti, ma in verità la dinamica del veicolo è complessa, visto che rientrano fattori passivi (peso, dimensioni spaziali, ecc.) e fattori dinamici (velocità, taratura delle sospensioni [fondamentale], sensibilità delle sospensioni, comportamento stradale, rigidità torsionale, limiti d’impuntatura, ecc. [se non avessi saputo scrivere in italiano, avrei progettato sospensioni :-)]).
    .
    Ti faccio un esempio pratico: mesi fa abbiamo fatto un test-drive lungo di una Lancia Musa, perché eravamo in dubbio se comprarla. Non è un’auto particolarmente alta, anche se ha il baricentro più alto di molte utilitarie. Però è decisamente più bassa del mio adorato ex Freelander. Beh, la tenuta della Musa, pur essendo più bassa, era pietosa: sospensioni molli, assoluta insicurezza nel capire dove si mettevano le ruote, ingombri difficilmente percepibili, anteriore troppo pesante e beccheggio in partenza e frenata (troppo peso davanti: maledette trazioni anteriori!).
    Mentre il Freelander era bello rigido ma gentile sullo sconnesso, con una trazione morbida e progressiva, senza vibrazioni e molto sincero in curva.
    .
    Quindi sì, in linea di massima le auto alte, per pura geometria, tendono ad essere più instabili di quelle basse, ma nella pratica conta come le auto sono progettate e costruite. Per quanto ne capisco, il vero dramma per la tenuta di strada sono le multispazio, le monovolume, ecc.
    Il fatto è che queste sono automobili ideate per il confort, quindi con sospensioni morbide, reazioni lente e spesso a sola trazione anteriore, quindi sottosterzanti. Essendo alte e pesanti – e mancando delle sospensioni raffinate e della versatilità di trazione dei 4×4 stradali – rischiano capottamenti disastrosi.
    .
    In ogni caso basta fare una prova: prendere i test dell’alce e di tenuta fatti da Quattroruote con la Multipla (che per altro ha ottime doti dinamiche, pur essendo inguardabile: l’ho guidata per un’estate intera a velocità vergognose) o la Zafira o il Grand Voyager e comparare il tutto con i dati dinamici di un Nissan Terrano o di un Freelander o di un Range Rover Sport (ho preso i primi 3 modelli per parte che mi sono venuti in mente).
    Può sembrare un insulto alla fisica, ma i SUV nel 90% dei casi fanno un figurone e sono più stabili (sui fondi scivolosi, poi, il risultato è certo e notevolissimo).
    Insomma, tradotto in termini pratici: le 4 ruote motrici non sono lì per estetica (tra l’altro manco si nota, se uno non ci sa fare attenzione).
    .
    La guida sulla neve è un’altra cosa, perché non contano le ruote motrici (contano solo se uno resta incastrato nella neve con le ruote anteriori: in quel caso conviene avere un’auto 4×4!:-)), ma la gommatura e lo stile di guida.
    Cioè, una Fiat 126 con le gomme invernali o da neve si districa meglio del SUV più raffinato con le gomme stradali. E il tutto è più evidente se uno sa come si guida sulla neve, cioè con costanza, senza strappi, senza soste, con ripartenze decise ma lineari, ecc.
    Questo perché uno può avere 80 ruote motrici, ma se nessuna di queste “grippa” a terra, non c’è niente da fare.

  • duilio says:

    Dopo quella volta che sono finito in mare con la passat sw, nel tentativo di tirare in secco il gommone di 5 metri, ho comprato un mercedes ml 270 diesel usato. Ha lo stesso motore di tante berline mercedes, è molto più corto, ed ha una baule che tante monovolume se lo sognano. Cero che ci vado anche in città, perchè ho solo questa.

  • francesco says:

    Suzuki, non puoi paragonare un SUV a una station wagon o a una monovolume: gli ingombri possono essere simili, ma lo spazio e l’utilità del mezzo sono ben diversi.

    Il SUV è prevalentemente un surrogato dell’Hummer, che tu tanto odi. Ha capacità di carico solitamente risibili (soprattutto per il volume trasportabile) rispetto alla massa e non è MAI giustificabile nell’utilizzo cittadino (non mi dire che serve una buona tenuta di strada per girare ai 30 all’ora in centro…).

    Vorrei poi sapere dove l’hai pescata quella della tenuta di strada. Un mezzo che ha il baricentro alto per definizione ha meno tenuta in curva di un corrispettivo col baricentro basso come può essere una comune berlina. O inizieremo a vedere delle nuove formula 1 con le sembianze di un SUV?

    Non parliamo poi del comportamento penoso dei SUV sulla neve: quanti cittadini che si sono improvvisati fuoristradisti con la prima neve, per accorgersi che “ruote grosse” non significa tenuta maggiore… Come ridevo (e come li sorpassavo!) con i miei normalissimi e poco costosi pneumatici invernali…

    La station (o la monovolume) invece è pensata per un utilizzo pratico: ci puoi caricare agevolmente un divano letto, un materasso, una credenza, ci puoi andare in vacanza caricandoci l’inverosimile.
    Insomma, almeno a qualcosa serve, anche in pieno centro.

    Ho il dente avvelenato, perché sto ben al di sotto della soglia dei 70000 euro, ma per quel perverso giochino dei nuovi scaglioni mi ritrovo con le tasse aumentate del 4%.

    Ma a chi la vai a raccontare? Ti ripeto ciò che ti ha già detto un altro commentatore: leggi bene il testo prima di esultare. Non dovevo rientrare nel 90% a cui sono state diminuite le tasse? Perché invece me le ritrovo aumentate?

  • Michele says:

    Perché l’X5 o il Cayenne non sono prolungamenti del pisello? Anzi X5 sembra che stia per “te lo moltiplico per 5″…

  • Suzukimaruti says:

    Matteo: infatti spero che in sede di emendamento ragionino su una proposta simile alla tua.
    Anzi, facciamo di più: visto che Gianni Vernetti – che è sottosegretario agli esteri, ma anche blogger – è un lettore di questo blog, gli giro tutta la discussione via mail e si sa mai che in fase di emendamento riescano a fare una tassa giusta ed equilibrata sulle auto inquinanti.
    .
    Così la gente smetterà di chiamarla “tassa sui SUV”, visto che sarebbe una tassa idiota.

  • Matteo says:

    tornando alla tassa sull’hummer. Sono d’accordo che tassare il peso é meglio della tassazione delle 4 ruote motrici di cui si parlava ieri. Ma porca paletta, perche non si riesc mai a fare una tassa fatta come dio (o l’economista che un po si sente sempre dio) comanda?

    Il problema delle auto é il seguente. Piú pesano piú inquinano. Piú sono pompate (in termini di kw) piú inquinano. Piú sono alte di categoria di consumi (euro 0,3,4,5) meno inquinano. Quanto cazzo ci vuole a fare un foglio excel prendendo i dati da quattroruote e moltiplicare il peso per i kw e dividerlo per la classe di consumo? cosi hai un indice veritiero dell’impatto ambientale dell’auto e puoi tassare progressivamente quello.

  • winston says:

    Faccio una debita premessa: chiedo perdono in anticipo se qualcuno interpreta le mie affermazioni come polemiche o aggressive. Sono solo molto coinvolto dall’argomento. Mi rendo conto che citare casi eclatanti di crimini commessi da indultati appaia demagogico. Allora, ricordo che gran parte degli indultati sono persone arrestate per rapina, danni alle cose e persone, violenza privata, ecc. I cosiddetti “crimini minori” o “crimine spicciolo”. Minori alla faccia del ciufol!!! Avete mai subito la distruzione della macchina, un pestaggio, un furto in casa?? Al danno materiale, si aggiunge un terribile trauma psicologico, duro da guarire. E non aiuta certo vedere il delinquente libero dopo pochi giorni. Il carcere rieducativo? Beccaria scriveva un pò di tempo fa, in un mondo diverso, dove i criminali erano soprattutto i derelitti fra i derelitti, spinti dalla disperazione a delinquere. Oggi la società è diversa. Sarebbe ora di rivalutare il valore punitivo del carcere. I carcerati non sono tutti “poveracci” come dice Dalema. Quanto al comminare pene più severe, le pene “doci” le vogliono le stesse persone che votano l’indulto…Chiudo, ribadedo che il sovraffolamento delle carceri non si riduce facendo uscire la gente con l’amnistia o mettendo in carcere solo mafiosi e narcotrafficanti. Se domani mattina scendete e trovate la macchina bruciata (come è capitato a migliaia – dico migliaia! – di romani negli ultimi 2 anni) che fate? Dite “so ragazzi”???

  • degra says:

    A proposito di ciò che scrive Winston sull’indulto, è meglio ricordare che non è stata una grazia che, di colpo, ha cancellato l’ergastolo a tutti…
    È stata solo una misura che ha anticipato (di un MASSIMO di 3 anni) l’inevitabile, cioè la fine della pena.
    Cioè chi è uscito con l’indulto, sarebbe uscito lo stesso entro poco tempo, in molti casi pochissimo.
    Quindi parlare di chi è stato ucciso da chi era appena uscito grazie a questo sconticino è sterilissima demagogia, tanto per far vedere quali danni ha procurato l’indulto. Inutilmente.
    Perchè, piuttosto, non si parla mai del perchè gli omicidi abbiano avuto pene così basse che un indulto di 3 anni le ha dimezzate? Perchè esistono certi benefici che si applicano ordinariamente a criminali efferati, ancor prima che l’indulto venisse in mente a qualcuno?

  • Suzukimaruti says:

    winston: è questione di opinioni. Continuo ad essere favorevole all’indulto (avrei preferito l’amnistia, ma chiedere è troppo): basta leggere due statistiche sulla vita carceraria in Italia per capire che quella era un’emergenza da risolvere. E se qualche ex carcerato si fa tentare dal crimine, è la dimostrazione a) che il carcere serve a poco e che non è un deterrente b) che le condizioni non possono fare altro che incattivire chi sta “dentro”. Chi sbaglia paga e rientra in carcere. Il problema in Italia è il crimine organizzato, non certo il crimine spicciolo.
    .
    Riguardo ai taxi. Non ho scritto che ci saranno più taxisti (intesi come auto in circolo), ma ho scritto che ci saranno più taxi in giro. Cioè i taxi gireranno più ore. I taxisti stanno cercando di sottrarsi agli accordi, ma quello non è una colpa del Governo, no? E se fanno i furbi, Veltroni ha già promesso che metterà a disposizione 2500 licenze, *visto che ora la legge glielo permette*.
    .
    Lo stesso vale per gli ordini professionali: se cercano di aggirare la legge con operazioni al limite della legalità (vedrai che l’Ordine non potrà applicarle), non è colpa del Governo. E soprattutto non è un argomento contro la validità del provvedimento. Cioè, è una legge cattiva e sbagliata se i privilegiati cercando di fare di tutto per aggirarla?
    .
    Riguardo ai SUV. Mi va benissimo il discorso contro l’ingombro di certi modelli.
    *Basta che tutti abbiano l’onestà intellettuale di dire la stessa cosa delle station-wagon, degli MPV, delle monovolume (pesanti, inquinanti, col baricentro alto, ingombranti e a rischio capottamento ad ogni curva), delle grandi berline, ecc.*

  • capemaster says:

    ahaha le prolunghe falliche comunque non sono solo hummer, ma anche piccole e filanti…

  • winston says:

    COMMENTI SERI
    “sull’indulto resto favorevole (è una questione umanitaria: bisogna visitare un carcere per rendersene conto” SI RISOLVONO COSI’ I PROBLEMI DELLA GIUSTIZIA? QUALCHE GIORNO FA, UN EDICOLANTE DEL VOMERO (NAPOLI) E’ STATO UCCISO IN PIENO GIORNO DA UN DELINQUENTE. ERA APPENA USCITO DAL CARCERE. X MILLE EURO DI INCASSO…MI DIRAI: L’ECCEZIONE CHE CONFERMA LA REGOLA, UNA MELA MARCIA IN MEZZO A TANTI POVERI DISGRAZIATI. PURTROPPO, I MIEI AMICI POLIZIOTTI MI RACCONTANO UNA REALTA’ DIVERSA, DOVE L’ECCEZIONE E’ IL CARCERATO INDULTATO CHE ESCE E SI COMPORTA BENE. AGGIUNGO, COSA TRASCURATA DA MOLTI, CHE L’INDULTO SENZA AMNISTIA E’ STATO UNA CAZZATA. SI CONTINUERA’ PER MESI A PROCESSARE GENTE CHE – AVENDO COMMESSO REATI NEL PERIODO INDULTATO – SARA’ SCARCERATA UN ATTIMO DOPO ESSERE STATA CONDANNATA. SPRECO DI TEMPO E DENARO, E GROSSO SMACCO X IL SISTEMA GIUDIZIARIO.E, TRA L’ALTRO, LE CARCERI SONO GIA’ DI NUOVO QUASI PIENE. MAH…

    “alla fine a Roma – per dire – ci saranno 2500 taxi in più” FALSO. A ROMA NON CI SARANNO TAXI IN PIU’. L’ACCORDO PREVEDE IL BLOCCO DELLE LICENZE IN CAMBIO DI UN MAGGIOR NUMERO DI ORE LAVORATE DAI TASSISTI. MA GIA’ QUESTI ULTIMI CHIEDONO TARIFFE PIU’ ALTE. E, INTANTO, PRENDERE UN TAXI A ROMA E’ SEMPRE PIU’ DIFFICILE. PROVARE X CREDERE…
    .
    Ma sui farmaci fuori dalle farmacie, sugli ordini professionali, ecc. non ci sono stati cedimenti di sorta. FALSO. LA RIFORMA DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO E’ STATA IN PARTE REVISONATA E, IN OGNI CASO, L’ORDINE HA IMPOSTO UNA LINEA DURA CHE NEUTRALIZZA GLI EFFETTI REALI DELLA NORMA. DI FATTO, VERRANNO SANZIONATI I COMPORTAMENTI CHE IL DECRETO BERSANI RENDE LECITI (PUBBLICITA’, TARIFFE SOTTO I MINIMI TABELLARI)
    .
    Riguardo ai possessori di SUV, non si sono lamentati (nemmeno ora) e meno male che la legge voluta dai Verdi non è stata fatta, perché era idiota e non teneva conto del fatto che una station-wagon inquina, consuma e ingombra quanto un SUV medio. CONTINUO A DOMANDARMI CHE CAZZO DEBBA FARCI UNO CHE VIVE NEL CENTRO DI ROMA, DOVE NEI VICOLI GIA’ E’ DIFFICILE PARCHEGGIARE UNA SMART, CON UN BESTIONE ADATTO AD AFFRONTARE LE NEVI PERENNI DELL’ALASKA…
    .
    Insomma, mi sembra che stiano legiferando bene. HAI LETTO BENE IL TESTO DELLA FINANZIARIA???

  • winston says:

    meno male che il tuo post precedente non era su carta intestata, altrimenti ti tocava andare in Parlaento a rispondere….

  • Suzukimaruti says:

    Beh, sull’indulto resto favorevole (è una questione umanitaria: bisogna visitare un carcere per rendersene conto: purtroppo la destra ha acconsentito a votare il provvedimento solo se fossero usciti i corruttori, i truffatori e i tangentari, che invece io avrei lasciato dentro).
    .
    Sui tassisti purtroppo hanno mediato (e hanno fatto male), anche se alla fine a Roma – per dire – ci saranno 2500 taxi in più.
    .
    Ma sui farmaci fuori dalle farmacie, sugli ordini professionali, ecc. non ci sono stati cedimenti di sorta. Anzi, la liberalizzazione si vede: entro fine mese farò la mia prima spesa di farmaci al supermarket e poi vi saprò dire quanto ho risparmiato!
    .
    Riguardo ai possessori di SUV, non si sono lamentati (nemmeno ora) e meno male che la legge voluta dai Verdi non è stata fatta, perché era idiota e non teneva conto del fatto che una station-wagon inquina, consuma e ingombra quanto un SUV medio.
    .
    Insomma, mi sembra che stiano legiferando bene.

  • Samuele says:

    Questo governo sta cedendo il passo su ogni cosa: si lamentano i tassisti, via la legge, si lamentano i carcerati, ecco l’indulto, si lamentano i possessori di Suv, e via la legge sui SUV. Perchè? Perchè? Sembra che abbiano paura a legiferare bene… mah!

  • degra says:

    beh, a parte la panda 4×4, mi dispiace che i SUV non paghino un superbollo: io odio i SUV in ogni loro parte, soprattutto quella parte che siede al volante. Per me tutti i SUV sono estensione del pisello, e sono espressione di chi vuol essere senza esserlo. Perchè chi è ricco davvero non compra il SUV, sicuramente non il Rav4…
    Il mio odio per questi cosi (odiosi nel traffico, prepotenti e sempre guidati da incapaci) è talmente alto che se potessi andrei di persona a bruciarli uno per uno…
    Al contrario penso dell’Hummer, che trovo veramente una figata tanto è tamarro, e se avessi i soldi mi comprerei quello, o in alternativa un pickup con le ruote da trattore, il Bigfoot, di quelli da gare tamarre americane.

What's this?

You are currently reading Rettifica: i SUV non sono tassati at Suzukimaruti.

meta

%d bloggers like this: