Liberalizzazioni – addio, notaio crudele

July 3rd, 2006 § 2 comments

La liberalizzazione che riguarda l'acquisto di automobili e che cancella l'obbligo di passare dal notaio per un atto di compravendita (per la modica cifra di 30 euro) era attesa da tempo.
Il fatto è che ne parlava da un po' Quattroruote, quando ancora governava la destra.

Ovviamente la destra non ha fatto niente, nonostante il consiglio di Quattroruote (che è una rivista smaccatamente berlusconiana: ricordate l'intervista-pompinazzo del direttore a Berlusconi?)

fosse veramente il tentativo di tirare la volata ad un governo impopolare e inviso ai cittadini.

Ora agli automobilisti è risparmiato il fastidio di passare dal notaio per comprare e vendere una macchina: una norma tanto assurda quanto inutile. Anzi, era proprio un regalo corporativo ai notai: gente che non è ricca abbastanza, evidentemente. Chiarito il fatto che tutte le volte che ho avuto a che fare con un notaio mi è stato proposto del pagamento in nero (cifre comunque altissime per un lavoro che potrebbe fare chiunque), mi sa che il tutto è un bene.

Per di più è una procedura anti-burocrazia, perché accelera i tempi di acquisto di un’automobile. Vero, il notaio risolve il tutto in 5 minuti. Ma il difetto – e lo sa chiunque ha comprato un’automobile nuova, per dire – è che il notaio per queste procedure solitamente è disponibile mezza giornata alla settimana. E tu aspetti il giorno fatale. E intanto il tempo passa.

Arrivato il giorno fatale, solitamente ti trovi in un’agenzia di pratiche auto mentre fai una coda bestiale, sgomiti in mezzo ad altri tremila come te che non vedono l’ora di avere una firma inutile su un foglio inutile, per potersi schiantare al più presto con la loro Opel Corsa in versione sportiva.

Mi spiace tanto (…) per i notai, ma in un’economia seria e in un paese serio, il lavoro bisogna andarselo a cercare: non piove per diritto divino (anzi, governativo) dal cielo.

§ 2 Responses to Liberalizzazioni – addio, notaio crudele"

  • nuni says:

    bravo Massimo diciamolo ad alta voce che lavoriamo onestamente. Non vedo poi perchè scandalizzarsi se tra i notai c’è qualche mela marcia, forse il pagamento in nero esiste solo negli studi notarili? Comunque, risparmio ai consumatori questa nuova norma non ne porterà, ed in più ATTENTI ALLE TRUFFE…. L’invidia è peccato……

  • Massimo says:

    Lavoro in uno studio notarile, quindi le mie impressioni spero possano esserti utili:
    inizio col dire che la liberalizzazione circa l’acquisto di un’automobile è una gran cosa, perchè non vedo perchè un segretario comunale non possa autenticare una firma. ma…
    da noi (medio/piccolo studio notarile dell’entroterra siciliano) le porte sono sempre aperte per la compravendita di un’autovettura e il guadagno netto (escludendo bollo e tasse repertoriali) è 25 euro. Detto questo l’atto di vendita va compilato adeguatamente (altrimenti viene respinto al P.R.A.). Mediamente facciamo una 20ina di atti al giorno che riusciamo a consegnare in giornata (c’è un impiegato solo per quello). Nella mia realtà non vedo segretari comunali in grado di smaltire questa mole di lavoro (nel paese dove lavoro si parla di una 60ina di atti al giorno considerando tutti i notai), e per di più di farlo correttamente. Potrebbero pensarci le agenzie di disbrigo pratiche, ma sempre nella mia realtà posso dirti che persone oneste ce ne sono davvero poche nel settore e le truffe ho paura che fioccherebbero…
    Quindi, liberalizzazioni si, ma fatte con criterio.

    Massimo

    P.S. un Notaio che ti proprone un pagamento in nero va immediatamente denunciato (stiamo parlando di un pubblico ufficiale delle Repubblica, non di un commerciante di calzature), mi meraviglio che tu non l’abbia fatto.

What's this?

You are currently reading Liberalizzazioni – addio, notaio crudele at Suzukimaruti.

meta

%d bloggers like this: