Nonno libero

May 3rd, 2006 § 3 comments

Da queste parti non si ha niente contro Ciampi, anzi si ha da decenni una passione incredibile per Livorno e i livornesi. E per di più si pensa che Ciampi sia stato un ottimo Presidente della Repubblica: ha bloccato le leggi giuste, ha firmato leggi magari antipatiche ma irreprensibili, ha fatto i suoi discorsi belli generici e ovvi alle scolaresche di mezza Italia ed è anche l’unico che è andato in Vaticano a dire in faccia al Papa che lo Stato è laico (facendolo così bene che nessuno si è lamentato o lo ha accusato di una deriva laicista).

Detto questo, credo che una democrazia matura non debba ridursi a pietire un uomo di ottanta e passa anni affinché si spari altri 7 anni di presidenza dela repubblica. Mi sembra più civile e più naturale che le due parti politiche in gioco inizino a dialogare e producano un candidato comune oppure, constatata l’impossibilità di convergere, si sfidino a maggioranza con un candidato di parte per ciascuno. E vinca il migliore.

E mi piacerebbe che Ciampi si mettesse lì e dicesse "avete voluto la bicicletta: ora pedalate, senza tutori o archimandriti: se siete adulti, dimostratelo". Sarebbe un atto di fiducia nei confronti della nostra (cara) democrazia.

Sinceramente, a me quest’ansia di convergere non piace affatto. Soprattutto se alla fine l’unica cosa su cui sappiamo convergere è uno scontato "salvatore della patria". Ciampi come ultima spiaggia no. Non perché non ne sia degno (anzi), ma perché mi rifiuto di pensare che le spiagge siano finite.

E poi non vorrei che questo stato diventasse più gerontocratico di quanto lo è già intimamente e istituzionalmente.
Insomma, cari centrosinistra e centrodestra, confrontatevi e provate a tirare fuori una soluzione che non sia una "toppa" messa lì per far finta che ci si voglia tutti bene. Il che non significa convergere per forza o disperarsi se il prossimo capo dello Stato viene eletto a maggioranza.

Mi preoccupa un po’ questo discorso che stressa il concetto del "paese spaccato a metà". Di fatto lo è sempre stato. E se per caso il centrosinistra avesse vinto 52% a 48%, lo sarebbe stato ugualmente. Non è certo l’1% a fare la differenza, no?
Vivo benissimo con un paese che si divide in due elettoralmente: unire non significa convergere, ma avere alle spalle un retroterra. Cioè, dividiamoci pure ma partendo da premesse che dovrebbero essere comuni (cioè la cosiddetta "civiltà condivisa" che nasce dalla Costituzione).

E francamente se la metà che ha vinto le elezioni governa a maggioranza, mi sembra buono, giusto e naturale. Capita in tutto il mondo baciato dal dono della democrazia. E’ scandaloso che qualcuno se ne scandalizzi. Voglio vivere in un paese in cui il "volemose bene" lo lasciamo alle risse da trattoria.

E poi, francamente, liberiamo il povero Ciampi da questa incombenza, da questa responsabilità. Pure Amnesty dovrebbe dire qualcosa: non si tratta così un anziano. Lo dico nei suoi interessi. Continuerebbe ad essere un ottimo Presidente della Repubblica, ma gli negheremmo una sana vecchiaia di cazzi suoi a cui – mi pare – abbia più che diritto.

In questo caso non si tratta di una mattana isolata, ma iniziamo ad essere in tanti a pensarla così. E’ nato il movimento "Caro presidente, rinunci".

§ 3 Responses to Nonno libero"

  • E’ triste pensare, come ho già scritto altrove, che la caratura politica di Ciampi appartenga a lui e a pochi altri suoi coetanei.

    Forse è per questo che si premeva per la rielezione.

    Adesso vediamo chi verrà eletto. Questione di giorni e lo sapremo.

  • Mari says:

    l’ha detto:
    “avete voluto la bicicletta: ora pedalate, senza tutori o archimandriti: se siete adulti, dimostratelo”

    “Confermo la mia non disponibilità. Mai rieletto un capo dello Stato, non mi pare il caso di cambiare. Il rinnovo di un settennato mal si confà alle caratteristiche dello Stato repubblicano”

    in politichese ma gliel’ha detto, aumenta sempre di più la mia stima per quell’uomo

  • stellalpina says:

    Concordo con la tua analisi del confronto senza scadere in chiacchiricci rissosi.
    E anche sul Ciampi che ha diritto di riposare gli ultimi anni che gli restano. ciao

What's this?

You are currently reading Nonno libero at Suzukimaruti.

meta