Parole da eliminare

January 22nd, 2006 § 4 comments

Leggere il Foglio (gratis, così non si danno soldi al nemico; io poi salto le parti più propagandistiche, che tra l’altro sono le meno interessanti e le più tristi) di sabato è sempre un piacere.

Per esempio questo articolo sulle parole da cancellare è assolutamente condivisibile e pure scritto bene. Avrei aggiunto all’elenco le parole "professionalità" (ma già ne parlava male Moretti in "Palombella Rossa") e "mentalità" (che fece pronunciare a Mughini il famigerato "Aborro!"), ma mi accontento.

E già che ci siamo, merita una lettura anche lo sguardo di EmmeBi sull’altopiano del marketing proporzionale su cui tra un po’ i due eserciti si scontreranno. Anzi, i trenta o quaranta eserciti, giacché si è al tutti contro tutti.

§ 4 Responses to Parole da eliminare"

  • Angelo says:

    Trovato in rete e qui riportato.

    e bravo il tronchettino proverino

    yos tv
    MTV ITALIA S.r.L.
    20122 Milano MI
    Italy

    ma come?? e il duopolio la concentrazione televisiva e tutte le frignacce che hanno sempre decantato???
    Telecom ha tre canali televisivi ben accesi, esattamente come Rai e Mediaset! ma nessuno gli ha detto nulla.
    quale il terzo?
    Yos (Your Open Source) il nome provvisorio. Le frequenze sono quelle dell’ex Elefante-Telemarket, acquistate con tanto di concessione nazionale lo scorso aprile con l’approvazione dell’Autorità per le garanzie nella comunicazione. Partita ieri, la nuova tv per ora manda video musicali e fa riferimento a un sito web (www.yos.it) su cui si trova solo una chat per cercare di capire cosa il pubblico vorrebbe da questo nuovo canale (da qui il concetto di open source) ma nella realtà sembra che sia giochino in flash con lo scopo mediatico di scoprire la home page delsito e tenere traccia degli ip che si sono connessi… mmh mica scemop il tronkettiproverino, ciò che conta sono i tsnti messaggi e non i contenuti. è a tutti gli effetti una seconda Mtv, probabilmente diretta a un target di teen-agers o pre teen-agers. E dall’ufficio stampa della tv musicale di Telecom fanno sapere che, essendo concentrati sull’evento Europe Music Awards (stasera in diretta da Lisbona) non sanno ancora molto: solo che probabilmente sarà un canale di flusso di videoclip. attualmente il genere è da cassetta anni 70-80 stile rmc2 lifegate e simili ma con uscite di testa improvvise da farla apparire un esperimento. Quelli che insomma sperano nella rottura definitiva del duopolio Mediaset-Rai non sorriderebbero certo se l’indiscrezione venisse confermata: ma come, per sfidare due colossi si punta ancora sulla musica? Non è ovviamente la musica ma quanti tiene davanti al video.
    I problemi però sono più d’uno: Telecom aveva acquistato Elefante (115, 5 milioni di euro) e Delta Tv (12 milioni di euro), che insieme coprono circa il 70% della popolazione, per migliorare la copertura di La7 e Mtv e per sviluppare il digitale terrestre. E in effetti la Legge Gasparri è ben chiara: “Sono consentiti trasferimenti di impianti o rami d’azienda tra coloro che esercitano legittimamente l’attività televisiva in ambito nazionale o locale, a condizione che le acquisizioni siano destinate alla diffusione digitale”.

    A questo punto la diffusione di un nuovo segnale tv terrestre da parte di Telecom sarebbe incompatibile con la normativa in vigore, a meno di una rapidissima conversione al digitale terrestre.
    Ma non è tutto. Al Gruppo L’Espresso, direttamente concorrente di Mtv con All Music, dichiarano di essersi rivolti al Tribunale per accedere agli atti della vertenza che Peruzzo, quando era proprietario di Rete A, aveva aperto contro Elefante per il rilascio delle concessioni nazionali. E le relazioni esterne fanno sapere di essere attenti alle situazioni attuali ed eventualmente pronti a tutelare i propri interessi, qualora i comportamenti di altri editori televisivi potessero danneggiarli.

    La sensazione è questa: Telecom sa bene di doversi adeguare alla legge, ma in un panorama politico e televisivo così incerto (Chi vincerà le elezioni? Che accadrà della Gasparri? Quando si arriverà davvero al digitale terrestre?), ha deciso di tentare la strada del “Intanto noi ci siamo, poi vedremo chi, come e perché proverà a spegnerci”. E conoscendo il rapporto tra politica e tv in Italia, indipendentemente dalla legalità o meno dell’operazione, ci troviamo davanti a una novità (le tre reti Telecom) di assoluto rilievo.

    e bravo il tronchettiprovera.. poverino lui…

  • la mela sonica says:

    vogliamo parlarne:

    yos tv sulla frequenza 54 in uhf…ovvero si vede normalmente.
    http://www.yos.it
    ovvero your open source tv.
    sembra super figo alternative etc…ed ha una bella programmazione.
    ma in realtà c’è mtv europe dietro.
    detto questo…finche dura è valido assai.

  • degra says:

    bah… a me non sembra nè condivisibile nè, tantomeno, scritto bene… la solita visione del mondo un po’ snob (perchè snob fa figo), che va bene per i servizi di costume di Studio Aperto. O, in alternativa, la giustificazione per far uscire un giornale anche al sabato…
    Odio gli articoli vagamente umoristici.

  • diderot says:

    avrei aggiunto “fondamentalmente”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

What's this?

You are currently reading Parole da eliminare at Suzukimaruti.

meta