Ogni cosa è illuminata

January 15th, 2006 § 5 comments

La visione ieri sera di "Ogni cosa è illuminata (dalla luce del passato)" (completo tra parentesi la frase perché sennò il film sembra una vaccata para-spirituale per segretarie frustrate, alla Tamaro o alla Coelho; e linko il libro) mi ha illuminato su due cose:

1 – Elijah Wood l’attore che fa Frodo nel Signore degli Anelli, pettinato con la riga e con gli occhiali da sfigato, è assolutamente identico e indistinguibile da Toby McGuire mentre fa Peter Parker (quello che diventa Spiderman, insomma).

2 – i Gogol Bordello – che sono il gruppo musicale in cui milita l’accompagnatore del suddetto Frodo/Peter Parker in versione ebraica – sono caciaroni e simpatici. E il singolo "Start Wearing Purple" (qui il video), pur non essendo il mio genere, è abbastanza zingaro e sguaiato da piacermi.

§ 5 Responses to Ogni cosa è illuminata"

  • fmf says:

    E, tra l’altro, nei titoli di coda il pezzo da te linkato e’ indicato come scritto dai Gogol Bodello e cantato dai Gogol Bordello.
    Che non vuol dir nulla, ma tant’e’.
    (Bel film, ma per me Elijah Wood non sara’ mai piu’ nessun altro che il Kevin di Sin City…)

  • djdona says:

    i gogol bordello sono prodotti da steve albini… giusti per la cronaca :-)… e a me piacciono mooooltissimo…

  • il film era davvero bello.

  • Suzukimaruti says:

    beh, il film è carino, affronta con relativa leggerezza un tema che può essere o non facile o scontatissimo e – nei momenti peggiori – riesce a fermarsi un passo prima dall’essere retorico.
    Tra l’altro mescola tragedia e commedia, cosa che a volte lascia un po’ stupefatta la gente, quando si parla di Olocausto.
    Alla fine è un road-movie, che lo si voglia o no. Certo, è grottesco, a volte pesante, altre volte cazzone e svagato, ma si fa apprezzare, forse proprio per il fatto che non è tutto calcolato e amalgamato a puntino. Anzi, è un film squilibrato, a partire dal cast (star hollywoodiana fresca di kolossal letterario-epico + zingaropunk rocchettaro prestato al mestiere di attore, il tutto in un film quasi indipendente), cosa che non è necessariamente un difetto.

  • fio says:

    cit: completo tra parentesi la frase perché sennò il film sembra una vaccata para-spirituale per segretarie frustrate.

    ecco, leggendo mi chiedevo: a te il film è sembrato una vaccata para-blabla oppure no? [no perché dal post non si capisce. e io sono curiosa. e comunque in inglese il titolo fa un effetto sgrammaticato migliore, sgrunt]. penso oltretutto che, oltre ai gogol bordello, la colonna sonora in generale sia azzeccata per il film, ma anche molto bella in se stessa. diciamo che me la sono ascoltata per tutto dicembre a rotazione continua, ecco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

What's this?

You are currently reading Ogni cosa è illuminata at Suzukimaruti.

meta