La nuvoletta (di germi) del lavoratore in proprio

December 11th, 2005 § 1 comment

Mi spiegate per quale folle motivo ho l’abitudine assolutamente masochista di prendermi male di salute durante ponti/vacanze/ferie?

Sono praticamente senza voce in gola (cioè, ho una vociona toracica da crooner anni Cinquanta assolutamente non mia, che sto utilizzando da ore per cantare orride carole di natale imitando Bing Crosby o l’Elvis di Heartbreak Hotel – ma senza ancheggiamenti, che è meglio) e a guardarmi nello specchio sono da vietare ai minori.

L’ipotesi più accreditata è che mi sia raffreddato durante l’ultimo Harry Potter: quei cavolo di multisala sono sempre gelidi (orrida moda americana, l’aria condizionata) e ovviamente sono malsani, essendo chiusi, obbligati ad un ricircolo forzato dell’aria e per quasi tutto il giorno pieni di bambini tossenti, sputacchianti e in generale raffreddati, nonostante le insistenze materne e nonnesche affinché mettano "il cappellino" o "la sciarpina" (cose che peraltro inducono all’odio genitoriale).
La prossima volta che vado al cinema mi porto la mascherina filtra-aria alla Michael Jackson.

§ One Response to La nuvoletta (di germi) del lavoratore in proprio

  • gareth jax says:

    Credo che vada assolutamente a casaccio: una volta sono andato al Medusa multisala che c’e’ vicino al centro di superricerca photoatomica di Torino e sono quasi morto disidratato dal gran caldo che faceva nella sala! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

What's this?

You are currently reading La nuvoletta (di germi) del lavoratore in proprio at Suzukimaruti.

meta