Ansie: prossimamente su questi schermi

November 15th, 2005 § 10 comments

Gli ultimi eventi di Francia mi hanno fatto venire in mente un vecchio detto: “Per ogni povero che impallidisce di fame c’è un ricco che impallidisce di paura”.

Gianni Boncompagni – Il Foglio

Ultimamente mi sto accorgendo sempre più che la strategia della destra – ormai disperatissima – è quella di metterci paura. Già ho paventato il fatto che prima o poi a qualche bella testa berlusconiana possa venire in mente di far scoppiare qualche bomba da attribuire agli islamici.

Ma tutto torna. Pensiamoci:

  • In Francia scoppia – per motivi sociali, mica di ordine pubblico! – la rivolta nelle banlieues e Pisanu ci dice che prima o poi capiterà anche qui (hint: quando governeremo noi o poco prima delle elezioni, tanto a scaldare il clima bastano due poliziotti prepotenti) e che "ci sarà da piangere"
  • Berlusoni ci regala l’illuminante scenetta di lui minacciato allo stadio da torme di kamikaze così messi bene e irriconoscibili (e astuti) da permettersi un biglietto in tribuna d’onore.
  • Berlusconi ci ri-illumina oggi con una bella passeggiata alla fiera della motocicletta (o una grandeur simile alla Fiera di Milano): i suoi gorilla malmenano un fotografo e si lamenta della "tensione" che devono sopportare i poveri "padri di famiglia" che gli fanno da guardiaspalline, costretti ad essere nel mirino dei terroristi come lui.
  • Già che ci sono usano la storia dell’influenza aviaria – che nel resto dell’Europa se va bene riempie dei trafiletti minimi sui giornali, tra il sudoku e le vignette di Dilbert – come generatrice d’ansia globale. E l’ansia è amica della destra. Mamma preoccupata=mamma democristiana. E’ un classico della politica italiana.
  • Ma essendo furbi al panico-aviaria oppongono lo Storace-rassicurante. Fateci caso quando guardate i TG. Le notizie sono sempre: "Aviaria: trovato uno struzzo con l’orticaria vicino a Brisbane! Ma Storace (manco più Ministro Storace) ha assicurato che…". Ti mettono paura e ti rassicurano al tempo stesso in prima persona.
    Una scena che ricorda "Il Monello", col bambino che rompe i vetri e il vetraio-Chaplin che passa e ripara a pagamento.
    Con la differenza che farsi rassicurare da Storace è come farsi dare corsi di sobrietà da Vinicio Capossela.
  • Ci hanno anche provato concretizzando una leggenda metropolitana, quella per cui gli zingari rubano i bambini. Fortunatamente la signora (misteriosamente a Firenze in un giorno feriale in pieno ottobre) che ha lanciato l’allarme e che aveva una faccia da Forza Italia grossa come una casa è stata smentita dai passanti lì intorno e addirittura da un verbale dei Vigili Urbani, ma intanto era già partita a reti unificate (con collegamenti da Cucuzza, dalla Venier, a UnoMattina, ecc.) la macchina genera-ansia, con gli zingari che rubano ‘e criature, ricordi di Angela Celentano e quell’altra di Mazara del Vallo di cui mi sfugge il nome.
    Altre paure per le mamme ansiose. Altra aria di destra.

Prossimi appuntamenti ansiosi? A naso direi:

– i cinesi (prima o poi qualcosa si inventeranno)

– i centri sociali (nei secoli fedeli) e – come sempre inafferrabili – gli "anarco insurrezionalisti" bruciatori di gazebi

– i pedofili (altro classico della destra, che ci marcia sulla falsa equivalenza tra pedofilia e omosessualità)

§ 10 Responses to Ansie: prossimamente su questi schermi"

  • iaco99 says:

    le sette sataniche

  • 003 says:

    orca, nella notte devono avermi boicottato la tastiera! 🙂 perdonate i vari refusi.

  • 003 says:

    denise pipitone, la bambina che sembrava fosse stata rapita dagli zingari. e perchè allora non vogliamo aggiungere: attentati seri di londra (nessun colpevole trovato)-attentati farlocchi del 20/21 luglio o giù di lì (uno dei colpevoli viene trovato e pizzicato grazie a una mossa strategica della nostra forza dell’ordine – a romadal cugino, aveva usato il cellulare, questo genio)… come a dire, sempre: abbiate tanta paura xkè la minaccia è reale. ma ci siamo qua noi a proteggervi. e alora sì che sono terrorizzata.

  • regulus21 says:

    E la banda del taglierino nel Lombardo-veneto? E Unabomber? E gli avvelenatori di bottiglie? E i calpestatori di aiuole nel Torinese?

  • degra says:

    sì, ma erano i giapponesi a girare con la mascherina…

  • Yoshi says:

    la sars era in cina, non in giappone!! l’italia ha avuto più casi di sars del giappone. ecco 🙂

  • Suzukimaruti says:

    Non l’ho persa! Rido ancora adesso. Ma l’ho letta su Il Giornale (ovviamente gratis e online, che va bene leggere cosa dice il nemico, ma almeno farlo gratis…) 🙂

  • Ti sei perso l’intervista al senatore Guzzanti sul Corriere in cui affermava che per il suo lavoro alla commissione Mitrokhin è sotto minaccia di morte da parte della Russia.

  • degra says:

    ma infatti io all’influenza aviaria ci credo poco… chissà perchè tutte queste cose vengono dall’estremo oriente…
    come la sars, chi se la ricorda? cha sia bastato far andare in giro i giapponesi con la mascherina o fargli lavare le mani per debellarla?
    bah…
    terrorismo psicologico
    e anche controllo del mercato della carne (non a caso la carne con l’osso è stata liberalizzata la settimana prima che si parlasse dell’aviaria…)

  • Antonio says:

    Ma davvero è andato alla fiera della motocicletta? Che tristezza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

What's this?

You are currently reading Ansie: prossimamente su questi schermi at Suzukimaruti.

meta